App

Google è a lavoro su una nuova app di messaggistica

chat

Invece di digitare una query nel motore di ricerca di , gli utenti potranno inviare domande tramite messaggi di testo ad una serie di chatbot che risponderanno come se fossero delle persone in carne ed ossa, riportando puntualmente i risultati della ricerca desiderati: è questa, a detta del Wall Street Journal, la nuova applicazione di messaggistica a cui starebbe lavorando il colosso di Mountain View.

Come sostiene Scott Standford, co-founder della società di venture capital Sherpa Capital raggiunto dal WSJ, “tutti gli utenti si preoccupano di trovare su Internet ciò che stanno cercando e se Google non si trova sempre un passo avanti rispetto ai consumatori potrebbe risultare un problema“. Inoltre, continua Standford, “il messaging è un settore in cui Google non è forte” e di conseguenza Big G deve trovare nuovi espedienti per dominare il comparto: questa potrebbe essere una soluzione interessante.

Il servizio sembra però destinato a competere direttamente con Facebook M, un bot che la società di Zuckerberg sta testando all’interno dell’ Messenger. Si tratta di un servizio analogo a quello descritto per Google, ma con un ulteriore passo in avanti: per le query più difficili, potrà esservi un assistente in carne ed ossa che abiliterà “M” a fare cose più complesse, che magari richiedono il ragionamento umano.

Secondo The Verge, probabilmente il servizio sarà in grado di fare tutto ciò che una normale ricerca di Google già è in grado di fare, offrendo risposte testuali ove possibile e fornendo link dove invece è necessario un maggior approfondimento. Realisticamente, potremmo ottenere le informazioni sull’ubicazione di un ristorante (ad esempio) semplicemente “chiedendolo” al bot.

Il WSJ riporta anche che è molto probabile che Google consenta ad altri sviluppatori di creare chatbot che girano sul servizio, cosicché gli utenti possano ricevere risposte anche da servizi di terze parti che contengono le informazioni richieste. Fino ad ora Google ha rifiutato di commentare ma potrebbe essere questa la via per crescere in un settore in cui il colosso di Mountain View fatica a muoversi.

Si tratta di una nuova versione di Hangout o semplicemente di un nuovo modo per interagire con Google Now? Secondo The Next Web, con le informazioni che circolano al momento è impossibile saperlo, ma quel che è certo è che Big G sembra voler competere seriamente con Facebook M e con gli altri servizi di messagging basate su chatbot.

 

Eugenio Maddalena

Eugenio Maddalena

Consulente di comunicazione digitale e formatore, è appassionato delle dinamiche che riguardano l’impatto delle nuove culture digitali all’interno della società, dal business alla politica. Nasce nel 1987, anno in cui si sono sciolti gli Smiths e sono nati i Nirvana.

Facebook Twitter LinkedIn Google+ 

2 commenti

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

2 Comments

  1. quinceanerainvitations.xyz

    02/08/2016 alle 19:59

    Coincidentally, Dwayne Johnson was already in The Other Guys, which was totally fine as a buddy cop comedy IMO, as a cop so they could make a prequel with Terry Crews in it and keep some

    • Hester

      04/12/2016 alle 08:28

      At last, somoene comes up with the “right” answer!

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This