Market & Business

IDC, mercato dei tablet ancora in calo: giù dell’8,1% nel 2015

Tablet

Le spedizioni di in tutto il mondo sono in forte calo: entro la fine del 2015, infatti, le spedizioni del device diminuiranno dell’8,1% raggiungendo soltanto le 211,3 milioni di unità. È il dato che emerge dalle nuove previsioni di IDC (International Data Corporation) aggiornate al quarto trimestre di quest’anno. Tuttavia la società di ricerca sostiene che nel tempo il mercato dei tablet “detachable” (ovvero quelli componibili con tastiera come il Surface di Microsoft e l’ultimo iPad presentato da Apple di recente) comincerà a crescere in modo importante.

Stiamo assistendo ad un vero e proprio passaggio nel mercato degli utenti, i quali spostano la loro domanda verso i detachable e più in generale verso device di maggiore produttività“, ha dichiarato Jean Philippe Bouchard, direttore della ricerca sui tablet di . “La proliferazione di offerte per i detachable da parte dei fornitori di hardware continua ad essere un driver per questo tipo di device”. In realtà non si tratta soltanto dell’incremento della produttività che i detachable rispetto ai tablet “tradizionali”, ma è anche una questione di prezzi: “stiamo iniziando a vedere l’impatto della concorrenza in questo settore e grazie all’offerta dei principali vendor di piattaforme come Apple, Google e Microsoft” i quali hanno cominciato a produrre detachable a basso costo (sono in arrivo anche quelli con un prezzo inferiore ai 100 dollari).  IDC sostiene anche che “il segmento dei detachable raddoppierà nel prossimo anno, registrando oltre il 75% di crescita rispetto al 2015.

La transizione verso i tablet detachables da il via anche in altri due tendenze principali: la crescita di Windows e una inversione di tendenza per la linea degli iPad di Apple,” ha dichiarato Jitesh Ubrani, Senior Research Analyst. “Sebbene le prime recensioni per l’iPad Pro siano state contrastanti, crediamo che il Pro possa essere l’unico modo in cui Apple possa conquistare quote di mercato per i prossimi anni, in quanto mirano a colpire il pubblico delle imprese e i prosumer.”

Un’analisi importante che sottolinea come in realtà Apple stia adeguando la propria offerta ad un mondo in cui gli utenti hanno bisogno di essere più produttivi con i propri device, uniformandosi per una volta, a quello che invece ha proposto Microsoft già da qualche tempo. Ubrani infatti dichiara anche che IDC si aspetta “che i dispositivi basati su Windows raddoppieranno la propria quota di mercato entro il 2019”.

Eugenio Maddalena

Eugenio Maddalena

Consulente di comunicazione digitale e formatore, è appassionato delle dinamiche che riguardano l’impatto delle nuove culture digitali all’interno della società, dal business alla politica. Nasce nel 1987, anno in cui si sono sciolti gli Smiths e sono nati i Nirvana.

Facebook Twitter LinkedIn Google+ 

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This