Market & Business

Il 58% dei dati conservati dalle aziende è rappresentato da “Dark Data”

doc management

Nell’era dell’overload informativo nella quale le persone e le organizzazioni si trovano oggi, come vengono gestiti i dati in esubero dalle aziende? Al momento, l’unica risposta che sembra certa è che vengono gestiti male. Secondo  LLC, azienda specializzata in Backup e Recovery, il principale problema per le aziende italiane è l’elevato tasso di “” memorizzati nelle reti aziendali: è quanto emerge dal Databerg Report, la ricerca prodotta da Veritas Technologies LCC,  secondo la quale il 58% dei dati conservati dalle aziende italiane è sconosciuto anche agli stessi dirigenti IT aziendali. Si tratta di dati potenzialmente di ogni genere, da foto personali a contenuti piratati, che creano un elevato rischio di non conformità per le aziende.

I risultati più importanti del Databerg Report 2015 indicano che le aziende italiane non stanno sfruttando le possibilità offerte dai loro dati e che le aziende stanno anzi investendo significative risorse per mantenere dati di cui non sanno niente”, ha dichiarato Massimiliano Ferrini, Country Manager Italy di Veritas. “L’indagine rivela inoltre che i dipendenti italiani sono fra i meno disciplinati in Europa. Un dipendente su tre gestisce l’IT aziendale come se fosse suo e carica video, software non approvati o copie di suoi documenti legali identificativi sulla rete aziendale. Ciò va inoltre sommato al 27% di dati ininfluenti che le aziende italiane memorizzano ed elaborano e al correlato spreco di importanti risorse IT”.

L’indagine ha rilevato che l’azienda media italiana ha un tasso di Dark Data pari al 58% (media EMEA  54%), livelli di dati ROT del 27% (media EMEA  32%) e solo il 15% (media EMEA  14%) di dati identificabili come Business Critical. Ciò equivale a uno spreco di risorse aziendali pari a 784 miliardi1 nell’area EMEA entro il 2020 solo per la conservazione di dati ROT, se la strategia e cultura delle aziende sulla gestione delle informazioni non cambieranno al più presto.

Secondo l’indagine, con lo spostamento dei dati sul cloud attuato dalle aziende per contrastare i crescenti volumi di dati, nei prossimi 12 mesi nell’area EMEA ci sarà un incremento di un terzo dello storage ed elaborazione sul cloud, dal 33% al 45%. Secondo il Databerg Report 2015, il 50% degli intervistati in Italia ha dichiarato che utilizzerà sistemi di storage su cloud entro il 2016, ponendo il paese davanti alla media europea. Tuttavia, le aziende che adotteranno questi servizi cloud potrebbero non avere le giuste policy per calcolare i costi di follow-up, quelli per il passaggio a un altro fornitore o per il ritiro dei dati dal cloud in caso di emergenza.

Cosa ha generato il Databerg?
L’indagine ha individuato tre principali cause per la crescita del Databerg. Queste riguardano: i volumi di dati che influiscono in modo sproporzionato sulla strategia IT, l’adozione di massa di uno storage attualmente “gratuito” generata dalla continua promozione dei vendor, il fatto che i dipendenti mettano a rischio i dati aziendali con le loro azioni diventando inoltre degli accumulatori di dati:

  1. Strategie IT basate sui volumi di dati e non sul valore di business
  2. Un continuo ricorso allo storage “gratuito” come i servizi in cloud
  3. La crescente disattenzione dei dipendenti verso le policy sui dati aziendali

In base all’indagine, tutti questi fattori costituiscono le cause principali di accumulo di Dark Data e di dati ROT perché allontanano le risorse aziendali dal controllo diretto dei team dirigenziali. Inoltre, per via delle nuove norme di legge, tutto ciò comporta rischi di natura legale e di business, che non erano magari del tutto evidenti al momento dell’acquisto o dell’utilizzo.

Le raccomandazioni conclusive per le aziende  
Per ottenere importanti informazioni strategiche sui dati che conservano e ridurre i relativi rischi le aziende dovrebbero identificare i Dark Data, individuarne i rischi e riconoscerne le eventuali informazioni di valore, eliminare periodicamente i dati ROT per ridurre i costi connessi agli sprechi, definire una strategia funzionale di governance delle informazioni per i dati non strutturati con il sostegno della dirigenza al fine di incoraggiare un comportamento conforme da parte degli utenti e Migliorare la flessibilità aziendale utilizzando ambienti di storage su cloud.

Databerg

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This