News

Twitter lancia Brand Hub, il tool con cui sapere cosa dicono gli utenti sui brand

Twitter Mobile Payment

Un nuovo strumento con cui rispondere alla domanda più frequente che le imprese e organizzazioni di ogni tipo si pongono da tempo: come sapere cosa si dice sui social, nello specifico su , sul proprio brand? Il social del cinguettio prova a rispondere con Brand Hub un nuovo tool “centralizzato” che offre alle aziende un luogo nel quale entrare per tenere sotto controllo trend di discussione e per sapere di cosa parlano gli utenti in relazione alla propria azienda. “Ogni Tweet può potenzialmente fornire agli inserzionisti nuove prospettive per capire meglio ciò che clienti, potenziali clienti, e influencer hanno da dire, pensare, e sentire sul loro marchio” spiega Andrew Bragdon di  Twitter. “Ad oggi i marketer non sono in grado di raccogliere queste preziose informazioni in un unico posto.”

Non si tratta comunque di una novità assoluta: da tempo i brand usano strumenti di analisi di terze parti per catturare opinioni e “sentiment” sul social. di Twitter è una estensione di suoi tool esistenti per gli inserzionisti e basato su una matrica di misurazione chiamata TrueVoice.

TrueVoice mostra agli inserzionisti l’andamento delle condivisioni delle conversazioni sul social e misura quindi le impression dai tweet organici per mostrare come le campagne pubblicitarie sul social o su altri canali possano aiutare ad influenzare le mention organiche su Twitter. Il tutto in relazione a quello che accade ai competitor. “Possiamo determinare la TrueVoice del brand analizzando i Tweet sul vostro brand e quelli sui vostri competitor. A quel punto, identifichiamo qualche percentuale di impression appartiene al vostro brand. Così quando i consumatori vedono pubblicità del brand in questione o dei competitor in tv, sul web o sui canali social, quando twittano tali tweet che sono conteggiati in real time da TrueVoice.

Screen_Shot_2015-10-23_at_1.32.36_PM

Screen_Shot_2015-10-23_at_1.32.48_PM

Altra feature è uno strumento che dà insight su quello di cui le persone stanno parlando su Twitter a proposito di un dato brand. Di tali utenti i marketer possono quindi conoscere genere, localizzazione, livelli di reddito, tipo di occupazione e molte altre informazioni demografiche. Sarà anche possibile sapere quali sono i top influencer per permettere ai brand di interagirvi al meglio.

Copy_of_Comms_copy_-_brand_insights_-_Google_Docs-1

Gli inserzionisti potranno infine verificare se il loro marchio è quello di cui si parla di più (o meno), chi ne parla e potranno conoscere anche il modo in cui si parla delle loro aziende. Brand Hub, infatti, come già detto analizza le impression,e anche  il numero di tweet che citano determinati marchi o prodotti, e in quale contesto. E per i grandi marchi con società controllate (pensare a Procter & Gamble e Tide), i dati potranno essere segmentati ulteriormente.

Brand Hub è per ora disponibile per un  numero ristretto di advertiser in Paesi di lingua inglese e non sono noti, al momento, tempi di ampliamento del servizio.

Twitter è evidentemente alla ricerca di strumenti per attirare pubblico, possibilmente pagante, e per convincere gli investitori della bontà del social. Brand Hub potrebbe essere lo strumento che darà la svolta a un percoso di business ultimamente molto accidentato e che è costato molti posti di lavoro?

 

 

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This