Security Notes

Pubblicato il Rapporto 2015 del MEF sulle frodi con carte di pagamento: quale scenario?

frodi online

Sul sito web del Ministero dell’Economia e delle Finanze è stato appena pubblicato il Rapporto statistico sulle frodi con le carte di pagamento No. 5/2015 prodotto dall’Ufficio Centrale Antifrode dei Mezzi di Pagamento (UCAMP).

Si tratta di un rapporto annuale in cui vengono analizzati i fenomeni delle frodi su carte di pagamento, le manomissioni degli ATM e le revoche di convenzioni dei POS. In particolare si fa riferimento alle frodi su carte di pagamento (transazioni non riconosciute) perpetrate da carte emesse in Italia e spese ovunque. Vediamone i dati principali.

Transazioni non riconosciute
Nel 2014, con riferimento alle carte emesse in Italia, il numero delle transazioni non riconosciute (frodi) è aumentato in termini assoluti (dallo 0,0118% allo 0,0131%), mentre il loro valore è diminuito rispetto al totale dei pagamenti genuini mediante carta (dallo 0,0195% allo 0,0189%). Nel 2014 il totale dei pagamenti genuini, sia in termini di valore che di numero, è aumentato rispettivamente del 4% e del 6 (dato che conferma anche la tendenza di un utilizzo sempre più frequente di strumenti di pagamento alternativi al contante).

Il valore delle frodi è cresciuto del 5%, mentre il numero ha raggiunto il 20%, con una riduzione del valore medio della singola transazione (da 177 € a 151 €).  Trattandosi di un trend già riscontrato nel 2013, è possibile ipotizzare che siamo di fronte ad un nuovo modus operandi dei criminali che preferiscono frammentare e moltiplicare la transazioni per non essere notati e destare sospetti.

frodi

Figura 1: Incidenza e frodato in termini di valore e numero, serie storica

L’analisi della serie storica 2009-2014 presenta un fenomeno sotto controllo tuttavia, osservando gli ultimi due anni, è possibile notare una significativa crescita nel numero delle transazioni fraudolente e, parallelamente, un ruolo crescente di Internet come contesto per le frodi.

Per quanto riguarda i canali di pagamento utilizzati per finalità di frode, a fronte di una crescita di Internet registrano una flessioni POS e prelievi su ATM.  Il valore medio della singola transazione, invece, diminuisce per tutti i canali.

Internet, un canale privilegiato

frodi2

Figura 2: Numero standardizzato di frodi su Internet, estero/Italia

Aumentano, quindi, le frodi che vedono Internet come contesto d’azione (+11% in termini di incidenza valore e +30% come valore frodato). Dal 2011 il numero di transazioni non riconosciute online si è più che triplicato e attualmente rappresenta la metà del numero complessivo di transazioni fraudolente. Il fenomeno è diffuso principalmente all’estero.

Nel 2014 l’aumento in termini di numero di transazioni non riconosciute su internet è superiore al 60%. Diminuiscono, invece, le frodi tramite POS e ATM, sia come numero che come valore.

La mappa in basso mostra la distribuzione geografica delle frodi tramite POS e Internet nel 2014: frodi3

Il Rapporto annuale del MEF è sempre di notevole interesse per i dati sulle frodi con le carte di pagamento. Quest’anno, però, vi è una novità: è stata fatta un’approfondita analisi sulle attività fraudolente attraverso il Dark Web.

Per tutto l’anno 2014 gli esperti hanno osservato i principali black market, monitorando i cambiamenti nelle offerte di prodotti e servizi per un’ampia gamma di attività illegali.
Si è potuto constatare che il prezzo dei dati delle carte di credito è andato riducendosi nel tempo. Tale flessione sembra essere imputabile agli innumerevoli incidenti e ai relativi furti di dati di centinaia di milioni di carte in tutto il mondo.

 

frodi4.jpg

Figura 4: Principali black market che offrono prodotti relative alle frodi con carte di pagamento

Il Rapporto del Ministero è, quindi, un documento ricco di informazioni e dati statistici, interessante per gli addetti ai lavori e per chiunque voglia saperne di più sul fenomeno delle frodi con carte di pagamento.

Felice Acierno

Felice Acierno

Esperto in comunicazione e web marketing, è attualmente Digital strategist presso Bit4ID, azienda leader nel settore dell’identity management e della digitale. In passato, ha lavorato come digital marketing specialist in importanti aziende del settore radiofonico ed editoriale curandone la presenza online in termini di campagne pubblicitarie e contenuti.

Twitter LinkedIn 

1 Commento

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

1 Commento

  1. Roxy

    04/12/2016 alle 10:13

    Thank God! Sonmeoe with brains speaks!

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This