News

Quali sono i costi sostenuti dalle imprese per rimediare a violazioni di sicurezza? I dati Kaspersky

Cybercrime_02

Che le violazioni di siano un “costo” per le aziende lo si sostiene da tempo, ma a quanto ammonta effettivamente questa cifra? A rispondere è  che, sulla base di un sondaggio condotto nel 2015 che ha coinvolto 5.500 imprese in tutto il mondo, sostiene che il costo medio sostenuto dalle aziende per rimediare ad una violazione della sicurezza informatica ammonta a 492 mila euro per le aziende di grandi dimensioni e a 33 mila euro per le piccole e medie imprese.

L’indagine ha tenuto conto di dati rilevati negli anni precedenti allo scopo di individuare le aree che comportano alle aziende maggiori spese o addirittura perdita di denaro come conseguenza di una violazione. In genere, le imprese spendono maggiormente per i servizi professionali (quali esperti informatici esterni, avvocati, consulenti) e perdono denaro a causa di perdite di opportunità commerciali e tempi di inattività. La probabilità che si verifichi ciascuna di queste conseguenze, ovviamente, può variare e questo, insieme alle dimensioni dell’azienda, è un dato di cui tenere conto, specificano i ricercatori.

Non esistono molti report sulle conseguenze delle violazioni della sicurezza informatica che stimino perdite di denaro reali. E’ difficile trovare un metodo affidabile che consenta di ottenere una media, ma era necessario provarci per poter colmare il gap che c’è tra la teoria relativa al panorama delle minacce aziendali e le perdite in termini effettivi e pratici. Il risultato ottenuto è un elenco di minacce aziendali che hanno causato il maggior danno, quelle a cui, a nostro avviso, le imprese dovrebbero prestare la massima attenzione“, ha spiegato Morten Lehn, Managing Director di Kaspersky Lab Italia.

Nel dettaglio:

  • Servizi professionali (IT, gestione del rischio, avvocati): fino a 74 mila euro con una probabilità dell’88%
  • Opportunità di business perse: fino a 179 mila euro, 29%
  • Tempo di inattività: fino a 1,2 milioni di euro, 30%
  • Media totale: 486 mila euro
  • Spese indirette: fino a 60 mila euro
  • Danni alla reputazione: fino a 180.916 euro

Le conseguenze

Dal sondaggio è emerso che nove aziende su dieci hanno subito almeno un attacco alla sicurezza. Tuttavia, non tutti gli incidenti sono gravi e/o hanno come conseguenza la perdita di dati sensibili. Le violazioni che possono essere identificate come gravi spesso sono il risultato di un attacco malware, phishing, perdite di dati da parte dei dipendenti e esecuzione di software vulnerabili. La stima dei costi offre un nuovo punto di vista sulla gravità degli incidenti di sicurezza informatica e fa emergere le differenze tra PMI e grandi imprese.

Per le grandi aziende il costo è maggiore se la violazione della sicurezza è il risultato di un incidente che ha colpito fornitori esterni di fiducia. Altre violazioni che risultano essere molto costose includono le frodi da parte dei dipendenti, lo spionaggio informatico e le intrusioni all’interno della rete aziendale. Le PMI tendono a perdere una notevole quantità di denaro con tutti i tipi di violazione, poiché sostengono le stesse spese di recupero sia in caso di spionaggio che di attacchi DDoS e phishing.

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This