Digitaliani

Gartner: l’#IoT cambierà per sempre il mondo della cyber security

security

Oltre il 20% delle imprese ricorrerà a servizi di sicurezza digitali interamente dedicati a proteggere iniziative imprenditoriali che utilizzano dispositivi di Internet of Things () entro la fine del 2017: è quanto emerge da una nuova ricerca di Gartner che sostiene come l’aumento dei rischi connessi ad ambienti e servizi IoT incrementerà gli investimenti in sicurezza dedicati alla protezione delle risorse digitali.

L’IoT è arrivato al confine con il mondo fisico e introduce nuovi e importanti elementi da tener d’occhio sul fronte sicurezza, soprattutto se miliardi di oggetti cominceranno a trasmettere dati“, ha dichiarato Ganesh Ramamoorthy di . “L’IoT ridefinisce il concetto di sicurezza ampliando il suo campo di applicazione aggiungendo le responsabilità che derivano dalle nuove piattaforme, dai servizi e dalle strategie. In futuro, le imprese dovrebbero considerare il rimodellamento dei propri reparti IT e le strategie di sicurezza informatica“.

Nel mondo dell’Internet delle cose, l’informazione è il “combustibile” che viene utilizzato per modificare lo stato fisico reale degli ambienti tramite dispositivi e servizi che sono progettati per scopi specifici (ad esempio, aumentando la temperatura di una stanza automaticamente quando un sensore ha determinato che è troppo fredda, oppure regolando il flusso di una flebo di un paziente in un letto d’ospedale in base alle informazioni della cartella clinica): non si tratterà più di dover proteggere i computer, ma bisognerà tener conto di tutti i device connessi. Proprio per questo l’Internet delle cose rappresenta un punto di non ritorno per la sicurezza informatica e i CISO (Chief Information Security Officer) dovranno essere in prima linea per gestire il cambiamento.

La governance, la gestione e le singole funzioni dovranno essere ampliate e modificate ad un livello simile a quanto già successo con l’arrivo del BYOD e del cloud computing, ma su una scala molto decisamente più grande“, ha concluso Ramamoorthy.

Gartner non è l’unico istituto di ricerca preoccupato per la sicurezza dell’IoT: anche Juniper Research, in una recente ricerca, ha dichiarato che la dovrà subire necessariamente un cambio di paradigma, o quantomeno dovrà essere oggetto di molta più attenzione rispetto alla situazione attuale. Il modello di sicurezza dell’IoT richiederà metodologie solide e consolidate al fine di identificare violazioni rete, questo perché il numero di oggetti collegati relativi all’Internet of Things raggiungerà quota 38,5 miliardi nel 2020, contro i 13,4 miliardi registrati quest’anno, un incremento di oltre il 285%.

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This