Device

IDC: in calo dell’8% il mercato tablet, ma è boom dei dispositivi 2-in-1

tablet 2-in-1

Secondo una nuova previsione di IDC, le spedizioni dei in tutto il mondo, compresi i dispositivi 2-in-1 (come il Surface di Microsoft), dovrebbero diminuire dell’8% entro la fine del 2015: si tratta di un rallentamento notevole rispetto alle previsioni precedenti che attestavano lo stesso dato al 3,8%. Ora si prevede che le spedizioni raggiungano le 212 milioni di unità entro la fine dell’anno.

L’andamento complessivo del mercato dei tablet non è cambiato in modo significativo nel corso dell’ultimo anno e mezzo, ma il segmento 2-in-1, nonostante tutto, sta cominciando a guadagnare l’attenzione dei consumatori: , infatti, stima che il segmento dei device 2-in-1 potrebbe crescere dell’86,5% nel 2015 con 14,7 milioni di unità vendute. Anche se questo volume di spedizioni è di gran lunga inferiore rispetto a quello dei tablet tradizionali, ritiene che l’idea vincente è che questi dispositivi si rivolgono a un pubblico che cerca un alternativa agli schermi troppo piccoli dei tablet classici.

In passato, le sfide dei dispositivi 2-in-1 sono state il prezzo elevato, il design poco accattivante e, francamente, la mancanza di una reale domanda per Windows 8, che è il sistema operativo della maggior parte dei dispositivi che erano in esecuzione“, ha detto Ryan Reith , Program Director di IDC Worldwide. “Con più OEM che offrono dispositivi in ​​questo segmento, i prezzi hanno cominciato a scendere in modo significativo. Stimiamo che più di quaranta diversi fornitori hanno spedito prodotti 2-in-1 nel secondo trimestre del 2015: fino a due anni fa ne erano solo quattordici“.

Il mercato B2B è stato molto riluttante a migrare verso i tablet  e IDC ritiene che questo è in gran parte dovuto a proposte di valore poco chiare. Il segmento 2-in-1 dovrebbe trovare opportunità all’interno di questo mercato, ma i compratori IT hanno tardato a muoversi verso i dispositivi mobili e ancora non riescono a percepire i device 2-in-1 come un vero sostituto del PC.

I segmenti di mercato delle aziende avranno un ruolo cruciale per il futuro dei 2-in-1” ha dichiarato Jean Philippe Bouchard, direttore della ricerca. “Ci vorrà del tempo, ma ci aspettiamo, una volta che i reparti IT avranno valutato Windows 10 e l’atteso iPad Pro, una migrazione verso i 2-in-1”. Inoltre, prosegue Bouchard, “finora, questa categoria è stata guidata sul mercato da Microsoft con la sua linea di prodotti “Surface”, ma con l’arrivo degli iPad Pro e il lancio di Windows 10 (che è più adatto ai 2-in-1), e l’introduzione di Skylake di Intel, ci aspettiamo una raffica di nuovi dispositivi sul mercato da qui a dicembre 2015. “

IDC prevede che il prezzo medio di vendita dei tablet tradizionali scenda al di sotto dei 300 dollari: questo prezzo sarà causato dalla abbondanza di dispositivi più piccoli (7-8 “dimensioni dello schermo), che sono in gran parte realizzati in whitebox e creati per soddisfare la crescente domanda dei mercati  emergenti come il Medio Oriente e l’Africa. Nonostante questa tendenza però, IDC stima che la quota di mercato dei tablet dallo schermo più grande e dei 2-in-1 crescerà dal 18,6% nel 2014 al 39,5% nel 2019.

IDC Tablet

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This