Market & Business

Antitrust, Google: “le accuse della Commissione Europea sono infondate”

Google

respinge le accuse di aprile della che ha sostenuto che il motore di ricerca ha “sistematicamente favorito” i suoi prodotti nelle pagine di ricerca generali. In particolare sotto accusa è il servizio Google Shopping, che secondo la Commissione “favorirebbe il proprio prodotto per gli acquisti comparativi nelle sue pagine generali che mostrano i risultati delle ricerche.”

Il colosso di Mountain View, in un nuovo post sul suo blog ufficiale, sostiene invece che le accuse della Commissione Europea sono totalmente infondate: “La commissione Europea non cita dati per dimostrare tali affermazioni, non confuta i notevoli vantaggi per i consumatori e gli inserzionisti e non fornisce una chiara teoria giuridica per collegare le sue richieste alla soluzione che ci propone”.

Google si difende sottolineando l’importanza dei risultati di ricerca che offre ai propri utenti, in particolare per quanto riguarda lo shopping, sostenendo che il vecchio modello dei “10 link blu” non può bastare e per questo hanno implementato nelle serp “nuovi modi di organizzare le informazioni sui prodotti” che la società non ritiene essere anti-concorrenziali:

[Asics Gel Cumulus]

Secondo la società, l’ecosistema dei servizi di shopping online ha visto un enorme aumento del traffico da parte di Google, favorendo l’ingresso di nuovi player, nuovi investimenti e ampliando le possibilità di scelta dei consumatori: “Google ha consegnato più di 20 miliardi di click gratuiti negli ultimi dieci anni nei paesi coperti dalla UE, con traffico gratuito in aumento del 227%”.

La Commissione Europea avrebbe indicato anche una soluzione al problema che prevede l’inserimento di informazioni, classificazioni e rating negli annunci anche da parte delle altre compagnie all’interno degli spazi dedicati all’advertising: com’è facile immaginare, Google non ha accettato la soluzione suggerita affermando che un’attività del genere comprometterebbe la qualità e la pertinenza dei risultati offerti agli utenti.

L’Europa ha già replicato: “la Commissione può confermare di avere ricevuto oggi la risposta di Google” alle sue osservazioni e la “valuterà attentamente prima di prendere qualsiasi decisione su come procedere” nel caso. Così il portavoce della commissaria Ue alla concorrenza Margrethe Vestager. Bruxelles, ha aggiunto, “non vuole pregiudicare il risultato finale dell’indagine”.

Eugenio Maddalena

Eugenio Maddalena

Consulente di comunicazione digitale e formatore, è appassionato delle dinamiche che riguardano l’impatto delle nuove culture digitali all’interno della società, dal business alla politica. Nasce nel 1987, anno in cui si sono sciolti gli Smiths e sono nati i Nirvana.

Facebook Twitter LinkedIn Google+ 

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This