Market & Business

TrendForce: mercato #smartphone in fase di stallo, scendono le spedizioni

smartphone

L’ultima analisi della società di ricerca TrendForce ha riportato che nel secondo trimestre del 2015 le spedizioni degli sono cresciute dell’1,9% rispetto al trimestre precedente, arrivando a 304 milioni di unità. Il tasso di crescita però è rallentato rispetto al trimestre precedente, a causa del fatto che i principali produttori sono pronti a lanciare nuovi dispositivi di fascia alta nella seconda metà di quest’anno. In controtendenza, invece, le spedizioni degli cinesi che hanno beneficiato del picco di vendite registrato durante il “Labor Day”. TrendForce ha dichiarato, infatti, che nel secondo trimestre le spedizioni degli prodotti da aziende cinesi hanno registrato una crescita media globale al di sopra del 15,6%, con 126 milioni di unità vendute.

Inoltre la società ha anche ricalibrato le proprie precedenti proiezioni per la vendita degli smartphone nel mondo per il 2015, portando al ribasso il tasso di crescita dall’11,6% al 8,2%. Secondo Avril Wu, analista di TrendForce, questa revisione è dovuta alla prospettive economiche negative globali per la seconda metà di quest’anno e al conseguente indebolimento della domanda. “Rispetto alla forte crescita del 26,5% del 2014, la crescita della spedizione degli smartphone di quest’anno sta entrando in un periodo di stallo“, ha detto Wu. “Di conseguenza, i venditori dovranno affrontare sfide impegnative per vendere i propri prodotti nel prossimo futuro”.

Samsung è al primo posto per le spedizioni globali mentre le previsioni per Apple affermano che manterrà il suo record di vendite con la prossima generazione di iPhone in uscita nel secondo semestre del 2015. La società coreana ha registrato una crescita nel secondo trimestre del 26,8% in termini di spedizioni. TrendForce ha anche previsto che le spedizioni degli smartphone Samsung per tutto il 2015 arriveranno a circa 45 milioni di unità, una cifra inferiore rispetto alle precedenti proiezioni.

Apple ha avuto una forte popolarità grazie ai suoi device di punta ma si attendono quelli di nuova generazione che promettono alcuni cambiamenti dal punto di vista tecnico, che potrebbero dare una spinta importante nella spedizione degli iPhone nei prossimi due trimestri. Per questa ragione le previsioni per le vendite dell’iPhone continuano ad essere molto positive, con una crescita che si attesta al 15%.

Per quanto riguarda il mercato cinese, Huawei è diventata la prima azienda di smartphone con stime che affermano che le spedizioni potrebbero raggiungere le 100 milioni di unità entro quest’anno: una crescita annua di circa il 40%. Lenovo invece è scesa alla sesta posizione nella classifica mondiale delle spedizioni e dovrebbe registrare un calo del 20 o 30% per il 2015. Le cause, secondo TrendForce, sono da ricercare nella mancanza di una strategia di posizionamento definita e nella forte concorrenza che ha distribuito sul mercato un gran numero di modelli low-cost.

All’inizio di quest’anno, il produttore cinese Xiaomi ha lanciato il Mi Note, il primo smartphone di fascia alta del brand, tuttavia il device ha sofferto di una serie di problemi tecnici tra cui l’eccessivo surriscaldamento e non ha registrato le vendite che si attendeva: al momento si registrano 34 milioni di unità spedite nel primo semestre ma è attualmente lontana dal suo obiettivo annuale di 100 milioni. Le stime di TrendForce, però, parlano di un tasso di crescita delle spedizioni della società di circa il 15% a livello mondiale nel 2015 e potrebbe arrivare ad un numero complessivo di 70 milioni di smartphone venduti.

TrendForce

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This