Market

Realtà Virtuale e #Startup: Facebook acquista Pebbles Interfaces

ha acquisito “”, una startup con sede in Israele specializzata nel rilevamento gestuale: un tentativo da parte di di espandere la sua piattaforma di . Pebbles Interfaces ha approfondito le sue ricerche sulla nel corso degli ultimi cinque anni e per questo è stata scelta per entrare a far parte della squadra di sviluppo di Oculus Rift per la cifra di sessanta milioni di dollari.

 La tecnologia sviluppata dalla startup israeliana è in grado di rilevare le mani e la pelle di un utente che indossa un casco per la realtà virtuale, permettendo di osservare le proprie mani e le proprie braccia attraverso la sensoristica. Non solo arti però: Pebbles Interface ha un altissimo livello di dettaglio ed è in grado di riconoscere e tracciare anche l’abbigliamento di un utente, ma anche le cicatrici e i segni particolari di un individuo, una caratteristica che le società concorrenti devono ancora sviluppare.

Attraverso la micro-ottica e la computer vision, stiamo cercando di migliorare la qualità delle informazioni che possono essere estratte dai sensori ottici, che contribuiranno a portare la realtà virtuale a un livello superiore,” ha dichiarato Nadav Grossinger, CTO di Pebbles Interfaces.

Facebook ha cominciato ad interessarsi alla realtà virtuale nel marzo 2014, quando ha acquistato Oculus Rift per la cifra di 2 miliardi di dollari, 400 milioni in contanti e 23,1 milioni in azioni. Al momento dell’acquisto Zuckerberg ha dichiarato: “il mobile è la piattaforma di oggi e ora ci stiamo anche preparando alle piattaforme di domani”. L’acquisizione di oggi non fa altro che confermare la direzione presa da Facebook nello sviluppo della realtà virtuale.

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

Inizio
Share This