Interviste

#MailUp e l’internazionalizzazione come risorsa: intervista a Nazzareno Gorni

email-marketing

“L’e-mail ha più di quarant’anni ma non li dimostra affatto. Nata insieme a Internet e oggi disponibile per oltre 4 miliardi di utenti,  è ancora lo strumento preferito dalla aziende, come dimostrano anche i crescenti investimenti non solo delle startup ma anche di big del settore sul settore dei client di posta.” A parlare è Nazzareno Gorni CEO di MailUp, nostro partner, intervistato a pochi giorni dall’annuncio di una nuova partnership con l’indonesiana YDigital Asia che conferma la vocazione internazionale della società italiana.

L’e-mail marketing continua ad essere uno strumento di business che, secondo Gorni, è “insostituibile sia per costruire e nutrire la relazione con un cliente, sia per attrarre e “convertire” i clienti potenziali.” Il perchè è presto detto: “l’estrema misurabilità del mezzo, permette di ricondurre i risultati all’investimento in modo diretto e inequivocabile” così come, ne abbiamo fatto esperienza tutti noi, “I consumatori nel momento in cui sono chiamati a lasciare i propri dati, preferiscono fornire la propria email rispetto al numero di cellulare, all’indirizzo di casa o alla connessione diretta via social network. La diffusione degli smartphone ha moltiplicato le possibilità di lettura delle email. Proprio perché circa 1 email su 2 è aperta da device mobile, è diventato fondamentale inviare comunicazioni con un design capace cioè di adattarsi a qualsiasi schermo: desktop, smartphone o tablet.” 

Ciò vuol dire che, per fare business, l’attività di e-mail marketing riveste un ruolo di primo piano nelle strategie complessive di contatto con i clienti, cui oggi si va sempre più ad aggiungere la nuova piazza dei social media, ad esempio. Ma è anche vero che l’e-mail marketing può essere esso stesso business come accaduto alla stessa MailUp che, nel giro di un anno, grazie anche alla quotazione in borsa a luglio 2014, non solo ha permesso di “proseguire nello sviluppo del prodotto (a titolo di esempio, ricordo il lancio di BEE versione 2 e BEE Plugin) ma anche “guardare a più ambiziosi traguardi da raggiungere attraverso un percorso di continua crescita da sviluppare mediante il consolidamento del nostro attuale perimetro societario ma soprattutto mediante future acquisizioni. Crediamo fermamente che la realizzazione di tali obiettivi possa rappresentare per MailUp il compimento del percorso intrapreso con la quotazione all’AIM, da finalizzarsi mediante lo sbarco su un mercato regolamentato, un progetto fortemente condiviso con la nostra comunità di amici, partner e investitori.”

Percorso di crescita che prevede, quindi, progetti e iniziative forti di internazionalizzazione che sono da sempre nel dna di Mailup: l’accordo con YDigital Asia ne è un esempio. La quotazione è stata l’opportunità, infatti, per impostare l’ulteriore espansione dell’azienda in territori stranieri: “abbiamo fatto dei viaggi esplorativi in Sudamerica e in Oriente, in linea con il nostro piano industriale che includeva la progressiva internazionalizzazione. Durante queste missioni abbiamo conosciuto YDigital Asia, una delle principali agenzie di marketing indonesiane, parte del gruppo svizzero Mountain Partners, realtà che ci ha colpiti per competenza, proattività ed expertise sul mercato indonesiano.  Grazie a un progetto condiviso portato avanti negli scorsi mesi, abbiamo lanciato il sito localizzato in lingua Bahasa (www.mailup.id). Gli scenari che ora si aprono sono entusiasmanti: siamo ufficialmente il primo Email Service Provider presente nel Paese con servizio di customer care e supporto locale.

Il punto di forza per entrare in tali mercati è quello di “disporre di una soluzione locale, non solo in termini di localizzazione linguistica, ma anche di vicinanza in termini di vendita, fatturazione, supporto e formazione. In Indonesia mancavano ancora dei player locali in grado di fornire queste risposte. Essendo un paese molto popoloso e con la penetrazione internet che è solo all’inizio, cercheremo di cavalcare quest’onda. I potenziali clienti infatti già oggi hanno liste di dimensioni interessanti (e per noi questo significa ricavi significativi) ma ancora più importante queste liste sono destinate a crescere velocemente nei prossimi anni.”

Legame con il territorio che viene confermato da Peter Haarmark ,COO di  YDigital Asia: “Conoscendo il mercato indonesiano sappiamo che avere un servizio localizzato e una presenza locale è un aspetto molto significativa per le aziende del luogo.” Di qui l’accordo con MailUp che ha una serie di vantaggi: “i nostri clienti vanno dalle più grandi aziende alle start-up con piani di crescita aggressivi. Tutti hanno una  cosa in comune: la necessità di fare DEM” e MailUp, con cui “condividiamo gli stessi valori”, ha risposto alle nostre esigenze, non soddisfatte da altri fornitori, con soluzioni dal “pricing flessibile e con un sistema completo che si adatta facilmente a dimensioni e necessità di tutti i nostri clienti.”

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This