Digitaliani

Cisco: tra 2014-2019 traffico IP annuale triplicherà. Crescono video, #IoE e mobile

connettivita

Tra il 2014 e il 2019 il traffico IP annuale triplicherà, raggiungendo la cifra record di 2 zettabyte. In altre parole nel 2019 il traffico che passerà sulle reti IP globali raggiungerà il valore di tutti gli “anni Internet” precedenti nel loro insieme (dal 1984 fino alla fine del 2013). Sono i dati contenuti nella 10° edizione dello studio annuale Visual Networking Index (VNI) Forecast che fotografa lo stato delle reti e le previsioni per il futuro.

Tra i fattori che guideranno questa crescita avranno un peso l’aumento a livello globale degli utenti di Internet, dei dispositivi personali e delle connessioni machine-to-machine (M2M), oltre a una maggiore disponibilità e velocità della banda larga, e l’adozione di servizi video avanzati. Nell’insieme, si prevede che queste variabili creeranno un tasso CAGR (compund annual growth rate, ovvero il tasso composito di crescita annuale) relativamente al traffico IP globale del 23% .

Cisco VNI- Global Complete (Fixed & Mobile) IP Traffic Growth 2014 - 2019

Quali sono le principali evidenze?

Più utenti Internet: parallelamente alla crescita ed espansione delle reti fisse e mobili, molte più persone avranno accesso alla rete e a Internet. Nel 2014 ci sono stati 2,8 miliardi di utenti Internet, pari al 39% della popolazione mondiale di 7,2 miliardi di persone. Entro il 2019 ci saranno circa 3,9 miliardi di utenti Internet, che corrisponderanno al 51% della popolazione mondiale prevista di 7,6 miliardi di persone.

Crescita del numero di dispositivi e connessioni: Con 24 miliardi di dispositivi connessi in rete previsti entro il 2019, rispetto ai 14 miliardi del 2014, le reti dei service provider devono essere pronte a connettere dispositivi più sofisticati. Tali dispositive includono tablet, smartphone, TV ultra-high definition (UHD- TV) abilitate al collegamento a Internet, oltre a connessioni M2M e dispositivi ‘wearable’ (smart watch, health monitor, ecc.). A livello globale, ci saranno 3,2 dispositivi/connessioni a testa, rispetto ai 2 a testa registrati nel 2014. Sarà necessario prevedere l’autenticazione di tutti questi dispositivi affinché possano accedere a reti via cavo o wireless cosa che richiederà reti più intelligenti, gestite e sicure. Per gestire il volume e la complessità di collegare i dispositivi di prossima generazione, i carrier devono già prevedere una strategia IPv6 completa. A livello globale, il 41% di tutti i dispositivi/connessioni entro il 2019 saranno abilitate all’IPv6-capabl, rispetto al 22% del 2014.

Il broadband fisso diventa più veloce: globalmente, la media della velocità della connessione broadband raddoppierà dai 20.3 Mbps del 2014 a 42.5 Mbps nel 2019. Questo valore è cresciuto anno su anno del 26% da 16 Mbps nel 2013 a 20.3 Mbps nel 2014. Osservando il dato a livello regionale, l’Europa occidentale e l’Asia Pacifico continuano a mantenere il primato della velocità di banda delle connessioni fisse. America del Nord e altre regioni stanno aggiornando le proprie risorse di rete per consentire la fruizione di più contenuti e applicazioni ad elevato consumo di banda (come ad esempio il video UHD). Nel 2019, il 33% di tutte le connessioni fisse a banda larga sarà più veloce di 25 Mbps, rispetto al 29% di oggi.

Nuovi servizi video avanzati: nel 2019 il video su IP rappresenterà l’80% dell’intero traffico IP, in crescita da 67% del 2014. L’evoluzione dei servizi video avanzati (come ad esempio l’UHD, lo spherical video e il video a 360 gradi) e le applicazioni video M2M creeranno una necessità di maggiore ampiezza di banda e scalabilità da parte dei service provider. Gli utenti residenziali professionali e mobile continueranno a richiedere servizi video avanzati per tutti i tipi di dispositivi connessi a Internet, rendendo fattori chiave di successo non solo la qualità, ma anche la convenienza economica, l’esperienza nella fruizione dei contenuti e il prezzo.

Mobility: nel 2019 più del 14% del traffico IP mensile farà capo a connessioni cellulari, e il 53% del traffico IP mobile deriverà da connessioni Wi-Fi, facendo delle strategie mobili un elemento differenziante e monetizzabile ancora più importante per tutti i service provider.

La crescita dell’Internet of Everything () e M2M: Il trend legato all’IoE sta mostrando una crescita tangibile dal momento che si prevede che le connessioni M2M triplicheranno nel corso dei prossimi cinque anni (in crescita a 10,5 miliardi entro il 2019). Ci sarà una significativa adozione di IoE in molti settori verticali (ad esempio agricoltura, sanità, manufacturing, retail, logistica e trasporti), oltre ad applicazioni di connected home (video sorveglianza, contatori intelligenti, controllo della temperatura e dell’illuminazione ecc.):

  • il segmento Connected Health consumer segnerà la più rapida crescita di connessioni M2M, pari a 8.6 volte (con un tasso CAGR del 54%) dal 2014 al 2019;
  • il segmento Connected Home nel 2019 rappresenterà circa la metà (48%) delle connessioni M2M.
  • il traffico annuale globale M2M su IP crescerà di 15 volte nello stesso periodo – da 308 petabyte nel 2014 (0.5% del traffico IP globale) a 4.6 exabyte nel 2019 (che rappresentano il 2.7% del traffico IP globale).

Gaming e servizi avanzati: Cisco prevede un notevole aumento del traffico di rete associato al download di giochi guidato dalla disponibilità di capacità di storage sulle console di gioco, un aumento del traffico in upstream dal cloud, e delle connessioni in fibra. La musica online sarà il servizio a più rapida crescita, da 1.2 a 1.7 miliardi di utenti entro il 2019. I servizi mobile basati su localizzazione (LBS) saranno i servizi consumer a più rapida crescita con un CAGR del 27.5% nel quinquennio 2014-19, in crescita da 597 milioni di utenti nel 2014 a oltre 2 miliardi di utenti entro il 2019. I servizi di videoconferenza desktop e personal saranno il servizio Internet professionale a più rapida crescita con un tasso CAGR del 23.5% tra il 2014-2019, crescendo da 76 nel 2014 a 220 milioni di utenti nel 2019.

Cisco VNI- Global IP Traffic Drivers

1 Commento

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

1 Commento

  1. Pingback: I numeri dell'#IoT: dieci cose da sapere per sapere cosa ci aspetta in futuro | Tech Economy

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This