News

GWI: Pinterest batte tutti e cresce del 97%

Global 7

GlobalWebIndex ha presentato le ultime cifre sul comportamento degli utenti e il tasso di coinvolgimento in relazione ai social network, analizzando 33 mercati in tutto il mondo. Il report si chiama Social e si basa su dati del primo trimestre del 2015 raccolti attraverso il monitoring dei comportamenti di 47.622 adulti on-line, differenziati attraverso una serie di fattori demografici tra cui età, regione di appartenenza e mercati. Riportiamo qui i punti salienti.

Tassi di crescita: tra social network e app di messaggistica

Facebook possiede la maggior parte degli utenti registrati sui social network (82%), primeggiando anche nella fascia degli utenti attivi (42%), ma è l’unico social ad aver registrato un calo nell’uso attivo nell’ultimo anno (-9%). Su base mensile, sempre più persone stanno visitando YouTube (81%) rispetto a Facebook (73%). Detto questo però c’è da dire anche che più del 50% degli utenti attivi di Facebook visitano il social network quotidianamente, un dato di gran lunga superiore di qualsiasi altro network.

Ma è Pinterest, che conferma un trend costante, a crescere di più con + 97%,  seguono Tumblr (+ 95%) e Instagram (+ 47%): è questa la triade di social network che hanno visto il più alto tasso di crescita dallo scorso anno. Inoltre LINE (+ 57%), Facebook Messenger (+ 53%) e snapchat (+ 45%) sono state le app che hanno registrato maggior crescita di utenti registrati.

Global_Web_Index_pdf__pagina_4_di_9_

Il tempo di permanenza e quanti social network in media per persona

Il social networking ora rappresenta più di un quarto (28%) del tempo che passiamo su internet ogni giorno. e la crescente importanza del mobile mobile è evidente. Osservando il tempo medio quotidiano che le persone passano su internet, possiamo constatare che l’accesso da mobile è cresciuto in maniera significativa, passando da 1,24 ore nel 2012 a 1,99 ore nel 2015.

Tempo medio di permanenza sul networking tuttavia varia in modo significativo da un paese all’altro. Nei mercati in rapida crescita, gli utenti di Internet relativamente giovani e di classe sociale medio alta sono in prima linea, mentre i numeri più bassi si sono registrati  nei mercati maturi (con il Giappone, la Corea del Sud e la Germania in coda).

Anche l’utilizzo di più social contemporaneamente è in forte crescita: in media, le persone hanno 5,39 account sui social network a testa e ne utilizzano attivamente circa 2,75. L’impatto di questo dato sul pubblico di Facebook è chiaro: mentre il Facebooker medio era attivo solo su 2,56 social network nel 2012, ora staziona su 4,15.

Global 3

Gli utenti con fascia di età compresa tra i 16 e 19 sono su Snapchat

Tra tutte le applicazioni social e di messaggistica monitorate, su Snapchat è possibile osservare una forte presenza di utenti con fascia di età compresa tra i 16 e i 19 anni. In assoluto però le dell’app sono relativamente modeste in tutto il mondo, tranne in alcuni mercati in cui l’utilizzo è particolarmente forte, in particolare in alcune regioni del Nord America e dell’Europa: ad esempio più del 40% sono ora “Snapchatter” in Irlanda, Svezia, Canada, Belgio e Regno Unito.

Il dato più rilevante però che Snapchat è più popolare di Whatsapp e di Facebook Messenger tra gli adolescenti americani.

Global 4

Youtube è la piattaforma più interessante per i teenager

I ricercatori del GIW Social hanno chiesto agli utenti di Internet in paesi come gli Stati Uniti e il Regno Unito di scegliere il più “cool” tra i social network e Facebook è ancora oggi indicato come il numero uno, un dato interessante per un network con già dieci anni di vita. Tuttavia, la stessa domanda rivolta solo ai ragazzi tra i 16 e i 19 anni mostra un crollo di Facebook: mentre il 37% di tutti gli adulti nomina Facebook come il social più “cool”, solo il 14% dei ragazzi è d’accordo. Infatti per loro primeggia YouTube.

Global 6

.

Eugenio Maddalena

Eugenio Maddalena

Consulente di comunicazione digitale e formatore, è appassionato delle dinamiche che riguardano l’impatto delle nuove culture digitali all’interno della società, dal business alla politica. Nasce nel 1987, anno in cui si sono sciolti gli Smiths e sono nati i Nirvana.

Facebook Twitter LinkedIn Google+ 

1 Commento

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

1 Commento

  1. Pingback: Anche Pinterest lancia il suo tasto buy: al via in Usa e per utenti iOS | Tech Economy

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This