(H)orizzonte Innovazione

Nasce l’indice di digitalizzazione: l’Italia in coda alla classifica

italia

Mentre l’ in corre il rischio di diventare come il ponte sullo stretto, ( molti ne parlano, pochi ci guadagnano,  nessuno lo vedrà mai) l’UE continua sottolineare quanto innovazione e tecnologia, soprattutto nei suoi aspetti digitali, siano importanti per la ripresa e il futuro sviluppo di tutta l’area comunitaria.  E l’agenda digitale in Europa continua a correre.

Ma come avanza il processo di digitalizzazione in Europa? E in Italia? E come procedono i singoli paesi membri su questo argomento?

srl-1-euroUna fotografia completa ce la fornisce l’UE attraverso l’indice di digitalizzazione dell’economia e società –  DESI (Digital Economy and Society Index). L’indice fornisce un’istantanea per paese di aspetti quali: connettività; attività on line; servizi pubblici digitali, riferiti al periodo 2013 – 2014. La presentazione dell’indice è avvenuta il 27 aprile, al Forum Digital4EU.  La prima riflessione da fare è che la digitalizzazione in Europa è tutt’altro che uniforme.

I risultati variano tra un punteggio di prestazione digitale di 0,67 – su un massimo di 1 –  della Danimarca, fino allo 0,31 della Romania. L’esperienza digitale dunque dipende dal paese in cui si vive. Il 93% dei cittadini del Lussemburgo ad esempio, usa internet regolarmente, quasi il 50% degli utenti europei di internet ha utilizzato o scaricato contenuti da internet mentre il 39% delle famiglie che possiedono apparecchi adeguati, guarda video on demand.
Le PMI sono ancora lontane dal raggiungere un risultato valido. Solo il 15% di queste infatti, vende online e meno della metà di questa percentuale vende all’estero.

I servizi pubblici digitali sono realtà affermata in alcuni paesi mentre in altri quasi questi stessi servizi sono quasi inesistenti: il 33% degli utenti europei di internet ha utilizzato formulari online per inviare informazioni alle autorità pubbliche, con percentuali che variano dal 69% della Danimarca al 6% della Romania. Il 26% dei medici di famiglia in Europa utilizza prescrizioni elettroniche che vengono trasferite ai farmacisti tramite internet, con percentuali che variano però dal 100% in Estonia allo 0% a Malta.

Ma l’Italia? Dai dati per paese è possibile generare delle classifiche dei principali protagonisti digitali.  Sono evidenti dei miglioramenti compiuti dal nostro paese nell’ultimo biennio, nonostante questo l’Italia si piazza in fondo alla classifica, 25° su 28.

Le imprese italiane sono in gran parte non digitali (solo il 5,1 % delle PMI vendono online, e il fatturato del commercio elettronico delle imprese italiane è pari soltanto al 4,8 % del fatturato totale); le connessioni internet veloci sono un miraggio, disponibili solo per il 21% delle famiglie al dicembre 2013, dato peggiore in tutta la UE.  Senza contare il problema derivante dalla domanda e quindi alle basse competenze digitali (il 31% della popolazione italiana non ha mai usato internet) o alla mancanza di fiducia verso il mezzo (solo il 42 % degli utenti di Internet fa uso dei servizi bancari online e il 35 % fa acquisti online).

L’argomento è assai interessante e l’Unione Europea sta concentrando sforzi enormi su questo.  La Commissione europea sta sviluppando una strategia per il mercato unico digitale che sarà presentata a il 6 di maggio (#digitalSingleMarket Strategy) , e di cui ci occuperemo nei prossimi giorni all’interno di questa stessa rubrica.

Mentre in Italia si continua a discutere di forma e mai di sostanza, e a sprecare i fondi europei disponibili, tutti i paesi membri della UE continuano a correre.

E se guardassimo ai ritardi come opportunità di investimento e crescita?

 

 

 

Cristiano Maugeri

Cristiano Maugeri

Consulente esperto nell’accompagnamento a bandi europei ed internazionali e nella costruzione di consorzi. Laureato in economia e specializzato in relazioni internazionali. Attualmente sta completando un dottorato di ricerca in scienze sociali presso l’università Pablo de Olavide di Siviglia.
Vive a Roma. E’ vittima della tecnologia che finge di non sopportare. Ama il jazz e i sud. Odia la televisione. Sogna di svegliarsi un giorno e scoprire che la realtà è un racconto di Julio Cortázar.

LinkedIn 

1 Commento

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

1 Commento

  1. Pingback: Digital Scoreboard 2015: Ue più digitale ma e-commerce e skill ICT restano fattori critici | Tech Economy

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This