Open 4 Business

La libertà di installare il software che vogliamo sui nostri PC

freedom

Oggi, la nostra capacità di fare innovazione – condividendo le nostre idee, e aggiungendo valore alle idee che altri hanno condiviso con noi, in un continuum senza interruzione che esprime il potenziale dell’intelligenza collettiva – dipende in modo sempre più stretto dalla tecnologia. Senza un PC, io non potrei scrivere questo articolo e non potrei inviarlo alla redazione, la redazione non potrebbe riceverlo e pubblicarlo, e voi non potreste leggerlo.

La tecnologia sta condizionando le nostre potenzialità di individui in grado di creare qualcosa di diverso e superiore rispetto alla nostra individualità, e questo è dovuto – in parte – alle limitazioni che alcune grandi aziende cercano di imporre alla nostra libertà. Per esempio, limitando la capacità di installare o modificare le applicazioni sul PC, o impedendo la modifica del PC stesso perché risponda in modo migliore alle nostre esigenze.

freedomOggi è la Giornata Internazionale contro la Gestione dei Diritti Digitali (DRM o , che nella realtà dovrebbe essere Digital Restrictions Management in quanto i DRM impongono restrizioni e non gestiscono i diritti se non delle grandi aziende che sviluppano software e contenuti).

Per esempio, per quale motivo i libri digitali regolarmente acquistati possono essere letti solo su un dispositivo, che è quasi sempre quello venduto dalla stessa azienda da cui ho acquistato il libro stesso? Un libro cartaceo non imporrebbe la stessa restrizione, e potrebbe essere letto da più persone senza limitazioni. Lo stesso vale per la musica.

Il software non è da meno, anche se moltissimi utenti non percepiscono nemmeno i condizionamenti a cui vengono intenzionalmente sottoposti dalle aziende, come per esempio nel caso dei PC su cui può essere installato solo Windows in quanto la macchina stessa impedisce – a chi non ha competenze tecniche – di passare a sistemi operativi ampiamente migliori, e per di più liberi (e gratuiti).

Certo, le aziende che hanno sviluppato il proprio modello di business sulla privatizzazione – piuttosto che sulla condivisione – della conoscenza, non possono fare altro che difendere le proprie posizioni con questi artifici, e dirottare su altri capitoli di spesa – gli avvocati e i lobbisti – il denaro che altrimenti potrebbero investire sull’innovazione.

Quello di leggere i libri e di ascoltare la musica in formato digitale su qualsiasi dispositivo è un diritto sacrosanto degli utenti, che va difeso, così come va difesa la possibilità di scegliere il software da installare sul proprio PC, a partire dal sistema operativo. Prima di fare un acquisto, informatevi sulla presenza dei DRM, e sulla possibilità di installare liberamente il software: solo in questo modo avrete la possibilità di condividere la conoscenza – nel rispetto assoluto della legge – aggiungendo valore a quello che altri hanno condiviso con voi.

E se volete saperne di più, qui c’è il manifesto firmato da The Document Foundation e Associazione LibreItalia ONLUS, e qui c’è il sito che parla in modo ampio ed esauriente del problema dei DRM.

Italo Vignoli

Italo Vignoli

Laureato in Lettere all’Università Statale di Milano, è uno dei fondatori di The Document Foundation, la “casa di LibreOffice”, nonchè portavoce del progetto a livello internazionale; è anche fondatore e presidente onorario della neonata Associazione LibreItalia.

Ha partecipato ad alcuni tra i principali progetti di migrazione a LibreOffice, sia nella fase iniziale di analisi che in quella di comunicazione orientata alla gestione del cambiamento. Ed è autore dei protocolli per le migrazioni e la formazione, sulla base dei quali vengono certificati i professionisti nelle due discipline. In questa veste è coordinatore della commissione di certificazione.

Come esperto di standard dei documenti, ha partecipato alla commissione dell’Agenzia per l’Italia Digitale per il Regolamento Applicativo dell’Articolo 68 del Codice dell’Amministrazione Digitale.

Facebook Twitter LinkedIn Google+ 

1 Commento

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

1 Commento

  1. Pingback: Giornata internazionale contro la gestione dei diritti digitali - LibreItalia

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This