App

Gartner: per conquistare gli utenti del futuro le app devono avere valore

App economy

Il mercato delle sta maturando sempre più e gli utenti si dichiarano soddisfatti: è quanto emerge da un sondaggio condotto da Gartner secondo cui gli utenti oggi integrano l’uso applicazioni profondamente nella loro vita e questo vuol dire, per i fornitori e produttori di , di dover necessariamente “rimanere un passo avanti” e concentrarsi sempre più sullo sviluppo, sul marketing e si strategie di branding per mantenere saldo il primato.
Dopo otto anni di ricerca, di download e di utilizzo delle applicazioni per smartphone, gli utenti stanno maturando i loro comportamenti,” ha dichiarato Brian Blau, research director di Gartner. “E prevediamo che quei modelli cambino in futuro con gli utenti che sapranno integrare le applicazioni ancora più profondamente nella loro vita quotidiana. “

Per quantificare come gli utenti si sentano effettivamente quando usano le applicazioni, Gartner ha condotto un sondaggio su oltre 2.000 consumatori americani e tedeschi nel 2014. Entrambi i paesi sono considerati mercati maturi: l’indagine ha quindi esaminato i comportamenti attuali e come consumatori intendano utilizzare le applicazioni in futuro.

Agli intervistati è stato chiesto quali applicazioni avessero utilizzato dal proprio smartphone negli ultimi tre mesi e con quale frequenza ed emerge che, se è vero che l’uso delle app è alto in tutte le categorie, alcune applicazioni, come quelle di social networking e video, hanno un elevato utilizzo complessivo settimanale. I tassi di utilizzo sono quotidiani per la maggior parte degli utenti: anche per una categoria di app meno diffusa, quelle legare al fitness, vi è un elevato impiego. E’ vero, spiega Gartner, che il fitness ha solo il 23% e il 16 % di utilizzo (negli Stati Uniti e in Germania, rispettivamente) tra tutti gli utenti di smartphone, ma per coloro che utilizzano applicazioni di fitness, ben sette su dieci li utilizzano settimanalmente o anche con maggiore frequenza.

Secondo l’indagine, insomma, gli utenti di smartphone sono soddisfatti del loro attuale livello di interesse per le app. Sulla base di una tale forte indicazione Gartner si aspetta di vedere anche per il futuro un alto livello di interesse ma è bene che i produttori di app siano avvertiti del potenziale effetto plateau: “Non è che gli utenti di smartphone abbiano perso interesse per le applicazioni, gli utenti rimangono invece entusiasti di ciò che le applicazioni possono fare per loro nella loro vita quotidiana, anche per il lavoro e in contesti non lavorativi”, ha detto Blau. “Tuttavia, gli utenti devono essere convinti del valore delle app. La loro disponibilità a nuove esperienze con le applicazioni è sì, aperta ma il loro piano è quello di mantenere gli attuali modelli di utilizzo. Gli utenti potranno provare nuove applicazioni, ma avranno bisogno di essere davvero convinti del valore di un’app prima di adottarla e cambiare quindi i propri modelli di consumo.” 

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This