Open 4 Business

Il giorno della libertà dei documenti

DFD

Mercoledì 25 marzo è stato il , ovvero il giorno della libertà dei documenti. Una libertà a cui la maggior parte degli utenti rinuncia in modo inconsapevole, in quanto usa software proprietario pensato per costringere l’utente a perpetuare l’uso di un’applicazione, indipendentemente dal fatto che sia quella di posta elettronica, oppure quella per scrivere testi, far di conto, o presentare le proprie idee, oppure qualsiasi altra applicazione che genera un documento.

FreedomInfatti, se il formato dei documenti può essere gestito senza problemi solo con un’applicazione, è evidente che l’utente non avrà mai la libertà di sostituire quella specifica applicazione con un’altra più efficiente, o meno costosa, o più adatta alle sue abitudini, o semplicemente compatibile con un altro sistema operativo (perché gli è stato regalato un PC, o perché è curioso e vuole provare un’emozione nuova, o banalmente perché vuole avere un maggior controllo sul suo equipaggiamento per lavorare).

E se manca la libertà di scelta del software, manca la libertà dell’utente tout court. Perché nel mondo delle tecnologie digitali, la libertà è anche quella di scegliere gli strumenti in modo indipendente dalle strategie commerciali delle aziende. Certo, c’è chi si trova a suo agio con un software che impone l’interfaccia grafica e il formato dei file, probabilmente perché non è consapevole del fatto che entrambi lo costringono a rinunciare alla propria libertà.

Certo, si tratta di una libertà intangibile (ma la libertà è essa stessa intangibile), per cui non ci accorgiamo di non averla perché ci hanno convinto che non è utile, o addirittura che è più pratico non averla perché la conquista della libertà costa un po’ di fatica, in quanto dobbiamo imparare a generare documenti interoperabili, e questo ci costringe a pensare (e il pensiero, visto sotto questo punto di vista, è anch’esso sinonimo di fatica).

Probabilmente, se invece della libertà digitale ci togliessero una libertà fisica, come la libertà di parola, saremmo pronti a insorgere per riconquistare un diritto che consideriamo sacrosanto (e che è sacrosanto), compresi coloro che si trovano a loro agio – o credono di trovarsi a loro agio – senza libertà digitali. E’ forse il caso di sottolineare l’importanza di una rivalutazione delle libertà digitali, in ottica contemporanea e soprattutto futura?

Tutto questo viene spiegato con dovizia di particolari in un white paper: Interoperabilità dei documenti digitali e libertà degli utenti distribuito con licenza Creative Commons, che illustra il procedimento per arrivare a liberare i documenti dai vincoli e dai condizionamenti del software proprietario. Quattro semplici mosse, per un futuro migliore e soprattutto libero.

Italo Vignoli

Italo Vignoli

Laureato in Lettere all’Università Statale di Milano, è uno dei fondatori di The Document Foundation, la “casa di LibreOffice”, nonchè portavoce del progetto a livello internazionale; è anche fondatore e presidente onorario della neonata Associazione LibreItalia.

Ha partecipato ad alcuni tra i principali progetti di migrazione a LibreOffice, sia nella fase iniziale di analisi che in quella di comunicazione orientata alla gestione del cambiamento. Ed è autore dei protocolli per le migrazioni e la formazione, sulla base dei quali vengono certificati i professionisti nelle due discipline. In questa veste è coordinatore della commissione di certificazione.

Come esperto di standard dei documenti, ha partecipato alla commissione dell’Agenzia per l’Italia Digitale per il Regolamento Applicativo dell’Articolo 68 del Codice dell’Amministrazione Digitale.

Facebook Twitter LinkedIn Google+ 

1 Commento

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

1 Commento

  1. Pingback: Un white paper per Document Freedom Day

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This