Market & Business

Mercato unico digitale, Ansip: “Sbarazziamoci delle barriere e aiutiamo imprese innovative”

Ansip2

Sbarazziamoci di tutte le barriere che ci bloccano. Le persone devono poter attraversare liberamente i confini quando sono online, come già avviene offline. Bisogna aiutare le imprese innovative a crescere in tutta l’UE, per evitare che restino confinate al loro mercato nazionale. Il percorso non sarà privo di ostacoli, ma abbiamo bisogno di un inizio ambizioso. L’Europa dovrebbe sfruttare pienamente i vantaggi dell’era digitale: servizi migliori, maggiore partecipazione e nuovi posti di lavoro.” Nelle parole Vicepresidente responsabile per il Mercato unico digitale , che ieri non aveva risparmiato critiche all’approccio poco coraggioso dei Commissari Ue su roaming e net neutrality, vi è tutto lo “spirito” della riforma del mercato unico presentata oggi in occasione del Collegio dei Commissari.

Tre i nodi fondamentali al centro del discorso di Ansip: in primo luogo la necessità di permettere alle persone di accedere e usare servizi online e beni digitali al di là dei confini nazionali il che implica assicurare alle imprese straniere poche barriere quando decidono di vendere in paesi Ue. In secondo luogo mettere in piedi le giuste regole e condizioni per tutti gli attori del mercato, vecchi e nuovi; terzo, affrontare i problemi sui dati, competenze e standard comuni, a vantaggio delle industrie e dei cittadini.
Günther H. Oettinger, Commissario responsabile per l’Economia e la società digitali, ha spiegato: “L’Europa non può essere all’avanguardia della rivoluzione digitale con un mosaico di 28 normative diverse per i servizi di telecomunicazione, il diritto d’autore, la sicurezza informatica e la protezione dei dati. Abbiamo bisogno di un mercato europeo, che consenta il fiorire di nuovi modelli di business e permetta alle start-up di crescere e all’industria di sfruttare l’internet delle cose. Anche le persone devono investire, migliorando le proprie competenze informatiche, in relazione sia al lavoro che al tempo libero.” 

Il dibattito orientativo odierno ha definito tre ambiti principali su cui si concentrerà l’azione della Commissione durante il suo mandato:

1. Migliore accesso ai beni e ai servizi digitali da parte di consumatori e imprese

  • Semplificazione del commercio elettronico transfrontaliero, soprattutto per le PMI, grazie a norme armonizzate in materia di contratti e consumatori e a una consegna dei pacchi più efficiente ed economicamente accessibile. Oggi solo il 15% dei consumatori fa acquisti online da altri Stati membri, il che non dovrebbe sorprenderci, visto che le spese di consegna finiscono per essere superiori al prezzo effettivo del prodotto.
  • Lotta al geoblocco: troppi europei non possono utilizzare i servizi online disponibili in altri paesi dell’UE, spesso senza alcuna giustificazione, o sono reindirizzati verso un negozio locale con prezzi diversi. Una tale discriminazione non è concepibile in un mercato unico.
  • Modernizzazione delle norme in materia di diritto d’autore per garantire il giusto equilibrio tra interessi degli autori e interessi degli utenti o dei consumatori.
  • Semplificazione del regime IVA, fattore importante per incentivare le attività transfrontaliere delle imprese, soprattutto le PMI. I costi e la complessità derivanti dal fatto di dover interagire con le norme tributarie di altri paesi rappresentano un grosso problema per le PMI.

2. Creazione di un ambiente propizio che favorisca la diffusione delle reti e dei servizi digitali 

  • Tutti i servizi, le applicazioni e i contenuti digitali dipendono da connessioni internet ad alta velocità e reti sicure. Al fine di incoraggiare gli investimenti nelle infrastrutture, la Commissione rivedrà quindi le attuali norme in materia di telecomunicazioni e media, perché siano più adatte a far fronte alle nuove sfide, in particolar modo per quanto riguarda i servizi utilizzati dai consumatori (ad esempio, il numero crescente di chiamate vocali via internet) e i nuovi attori del settore.
  • Lo spettro è ossigeno per internet. L’Europa ha registrato forti ritardi nell’introduzione dell’ultima tecnologia 4G a causa dell’indisponibilità di spettro idoneo. Lo spettro non si ferma ai confini nazionali e va gestito secondo un approccio europeo per promuovere un vero mercato unico con servizi paneuropei.
  • La Commissione valuterà la crescente importanza delle piattaforme online (motori di ricerca, social media, app store, ecc.) per una florida economia di internet, esaminando in che modo rafforzare la fiducia nei servizi online attraverso una maggiore trasparenza, come inserirli nella catena del valore online e come agevolare la rapida rimozione dei contenuti illegali.
  • Oggi il 72% degli internauti europei è diffidente nei confronti dei servizi online perché teme di dover rivelare troppi dati personali. La rapida adozione del regolamento sulla protezione dei dati è fondamentale per rafforzare la fiducia.
      

3. Creazione di un’economia e una società digitali europee con potenzialità di crescita a lungo termine

  • L’industria è un asse portante dell’economia europea: nel settore manifatturiero dell’UE si contano 2 milioni di aziende e 33 milioni di posti di lavoro. La Commissione intende aiutare tutti i settori industriali a integrare nuove tecnologie e gestire la transizione verso un sistema industriale intelligente (“Industria 4.0”).
  • Standard: garantire l’interoperabilità per le nuove tecnologie è essenziale per la competitività dell’Europa ed è pertanto necessario svilupparli in fretta.
  • La Commissione desidera che l’industria e la società sfruttino al massimo l’economia dei dati. I big data “sono una miniera d’oro”, ma pongono anche importanti sfide, che riguardano ad esempio la proprietà, la protezione dei dati e gli standard, che vanno affrontate per sbloccarne il potenziale.
  • Lo stesso vale per il cloud computing: le reti e le risorse condivise possono dare impulso alla nostra economia, ma hanno bisogno di un contesto adeguato che ne favorisca la diffusione e l’utilizzo da parte di persone, aziende, organizzazioni e servizi pubblici in tutta Europa.
  • Gli europei dovrebbero inoltre poter beneficiare pienamente di servizi elettronici interoperabili, dall’e-government all’e-health, e sviluppare le proprie competenze digitali per cogliere le opportunità offerte da internet e aumentare le probabilità di successo nella ricerca di un lavoro.

Le proposte presentate oggi da Ansip, confluiranno in un piano che sarà pubblicato a maggio di quest’anno.

1 Commento

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

1 Commento

  1. Pingback: Troppe barriere per l'e-commerce in Ue: Vestager annuncia indagine su concorrenza | Tech Economy

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This