La Bella Terra

Ecco uno dei motivi per i quali non cresciamo

italia

Nei giorni scorsi sono stato a Bruxelles per un incontro sul tema degli skill digitali (si usa l’espressione eSkills). Tra le tante cose interessanti che ho sentito e visto, alcuni colleghi mi hanno presentato i risultati preliminari di uno studio fatto a livello europeo sulla composizione e dimensione della forza lavoro nel settore dell’ICT. I risultati sono ancora provvisori. Dovrebbero consolidarli a breve e conto di scrivere un commento dettagliato non appena saranno disponibili. Ma ci sono alcuni trend che sono più che evidenti e assolutamente indiscutibili.

In primo luogo, se si considera la percentuale della forza lavoro in professioni legate all’ICT rispetto al totale di un paese, emerge chiaramente il seguente quadro: ci sono paesi con una percentuale nettamente superiore alla media europea come Svezia, Finlandia, Olanda e, un filo più distaccate, Germania e poi Francia. Ci sono paesi che sono sotto la media europea e tra questi, neanche a dirlo, c’è l’.

Ma un secondo aspetto ancora più interessante è legato alla qualità di questa forza lavoro che opera nell’ICT. Nei paesi della prima fascia, prevalgono competenze ICT di alto profilo ai livelli manageriali e direttivi. In paesi come l’Italia, prevalgono competenze più operative e meno legate alle figure manageriali e di leadership.

E secondo voi – sarà ovviamente un caso! – quali sono i paesi che crescono di più e che hanno meno disoccupazione? E quali sono invece quelli che fanno più fatica?

Mi fermo qui in attesa di vedere i dati di dettaglio.

So che la mia è una provocazione.

Ebbene sì, voglio provocare.

Alfonso Fuggetta

Dopo la laurea presso il Politecnico di Milano nel 1982, ha lavorato per una società di consulenza software dal 1980 al 1988, quando entra, come ricercatore senior, in CEFRIEL, azienda che promuove e sostiene l’ nelle imprese e le amministrazioni pubbliche.
Professore associato presso il Politecnico di Milano, viene promosso a professore ordinario e, dopo aver ricoperto i ruoli di Vicedirettore e di Direttore Scientifico presso il CEFRIEL, nel 2005 ne viene nominato amministratore delegato.

Twitter LinkedIn 

1 Commento

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

1 Commento

  1. Pingback: C’è Innovazione senza Tecnologie? | Tech Economy

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This