Media

Internet: 3 miliardi di persone online ma il 60% del mondo non è connesso

mark zuckerberg

Un recente studio di , il progetto di Facebook per portare Internet e la connettività anche nelle zone del mondo più disagiate, afferma che nei primi tre mesi del 2015 saranno online tre miliardi di persone. Il dato in realtà non è così positivo come sembra: lo studio sottolinea infatti che il restante 60% della popolazione mondiale non è mai stato connesso ad internet, rimanendo sostanzialmente isolato.

Meno della metà della popolazione mondiale è quindi connessa alla rete, senza contare che l’adozione di internet sta rallentando. In dettaglio il report sottolinea come il divario tra le persone che usufruiscono di una connessione ad Internet e le persone che non possono usufruirne, sia collegato all’andamento economico dei paesi in cui si trovano:

  • la connettività infatti è concentrata nei paesi sviluppati (78% della popolazione connessa alla rete) e a macchie di leopardo nei paesi in via di sviluppo (dove la popolazione connessa si attesta al 32%);
  • nei paesi in via di sviluppo è presente il 94% popolazione che non è connesso alla rete;
  • gli Stati Uniti e la Germania, ah esempio, hanno un tasso di connettività molto alto, circa l’84%, mentre l’Etiopia e il Myanmar hanno un tasso nettamente inferiore, vicino al 2%;

Per quanto concerne il tasso di adozione, nel 2014 Internet è arrivato a crescere del 6,6%, mentre nel 2010 la crescita è stata di ben 14,7%: come si vede il rallentamento del tasso di adozione è forte e preoccupante e di questo passo internet non raggiungerà il prossimo miliardo di persone prima del 2019. Oltre il 90% del globo però è raggiunto da segnali mobili, ma solo la metà della popolazione può permettersi un abbonamento mensile a pacchetti dati di 250MB. In zone come l’Africa sub-sahariana solo il 53% può permettersi un abbonamento a un pacchetto di non più di 20MB mensili che consente di navigare online una o due ore al mese.

Lo studio evidenzia tre barriere principali all’accesso: infrastrutture, accessibilità economica e pertinenza:

  • Infrastrutture. La popolazione non può accedere ad Internet perché non vivono nel raggio di un’infrastruttura fisica sufficiente che le consentirebbe di avere connessione.
  • Accessibilità. La popolazione non può permettersi i costi d’accesso.
  • Rilevanza. Le persone non usano Internet perché non hanno le giuste competenze o conoscenze, non vi è un contenuto sufficiente disponibile nella loro lingua primaria.

Internet.org è uno dei progetti che Facebook porta avanti con maggiore ambizione, tanto che sarà l’argomento principe che Mark Zuckerberg affronterà lunedì sul palco del Mobile World Congress a Barcellona.

export online

1 Commento

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

1 Commento

  1. Pingback: Internet da record: sono 3 miliardi le persone connesse nel mondo

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This