Digitaliani

IDC: entro il 2018 nei paesi dell’Est e del Medio Oriente l’#IoT varrà 50 miliardi

internet-of-things-IoT

Secondo IDC il mercato dell’Internet of Things sta decollando in Europa dell’Est, nelle regioni centrali dell’Africa e nel Medio Oriente (). Anche se è ancora in una fase embrionale in quelle zone, l’IoT sta crescendo rapidamente e offre un notevole potenziale di crescita per il prossimo decennio.

Questo 2015 sarà un anno cruciale che porterà forti innovazioni tecnologiche, consentendo l’innovazione dei processi di business e guidando la trasformazione digitale in misura molto maggiore di quanto sia stato possibile fino adesso. Il mercato CEMA per l’IoT arriverà infatti a superare i 50 miliardi di dollari entro il 2018; nello stesso anno i device autonomi e gli oggetti connessi in rete raggiungeranno circa i due miliardi di dispositivi nei territori considerati, ma non tutti i settori industriali vedranno lo stesso tasso di adozione delle nuove tecnologie.

Secondo le previsioni di IDC, le preoccupazioni principali che si troveranno ad affrontare le aziende in quei mercati con la crescita dell’IoT, riguarderanno principalmente gli aspetti legati alla sicurezza: questo apre un importante scenario per i fornitori e le aziende operanti nella cyber-security. Il dato però non frenerà gli investimenti, che per l’IoT e per le operazioni omni-channel raddoppieranno entro il 2018. Ci saranno anche forti entusiasmi nei settori sanitari dove le soluzioni basate sull’IoT accelereranno i processi di trasformazione digitale; stesso discorso vale per il settore manifatturiero e per i negozianti, i quali (grazie all’IoT e alle tecnologie digitali) potranno creare offerte e sconti personalizzati per i singoli clienti, rimodulando i propri processi di vendita.

Il mercato dell’Internet of Things nei paesi CEMA  è ancora nelle sue fasi iniziali, ma le possibilità di crescita sono state già riscontrate”, osserva Milano Kalal, analista senior di IDC. “Tuttavia, lo sviluppo di questo mercato non sarà coerente in tutti i settori industriali. Le aziende che hanno già attuato processi legati all’IoT o hanno intenzione di farlo (ad esempio, la produzione, il trasporto e l’assistenza sanitaria) avranno una crescita più immediata rispetto agli altri settori.”

Eugenio Maddalena

Eugenio Maddalena

Consulente di comunicazione digitale e formatore, è appassionato delle dinamiche che riguardano l’impatto delle nuove culture digitali all’interno della società, dal business alla politica. Nasce nel 1987, anno in cui si sono sciolti gli Smiths e sono nati i Nirvana.

Facebook Twitter LinkedIn Google+ 

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This