Appunti sull’Agenda (Digitale)

Elegia del fare.13: PagoPA

denaro

Una gran bella notizia, nella direzione di ciò che la PA dovrebbe fare per diffondere le tecnologie dell’informazione: nasce “PagoPA”.
Ovvero: come abilitare un mercato aprendoti agli operatori privati e generando effettivo valore sia per i “paganti” (cittadini e imprese) che per i “ricettori di pagamenti elettronici” (la PA).
logo_pago_pa” in estrema sintesi non è che un logo e un circuito: il logo viene ceduto in licenza d’uso ai prestatori di servizi di pagamento che abbiano sottoscritto con uno specifico Service Agreement per l’adesione. Ovviamente il logo (e l’ingresso nel circuito) è reso disponibile a tutte le PA che ne fanno richiesta attraverso la sottoscrizione di una lettera d’adesione.
I soggetti aderenti si impegnano a rispettare regole e standard tecnici per l’effettuazione e il ricevimento di pagamenti elettronici, potendo così adottare il logo “PagoPA” garantendo ai cittadini e alle imprese di poter effettuare pagamenti attraverso una pluralità di canali e strumenti di pagamento.

Siamo sulla strada giusta: finalmente, una PA che definisce standard, sancisce regole e abilita servizi di terzi, in perfetta sintonia con l’evoluzione dei servizi di Digital Government di tutto il mondo civile.
Anche se non sempre è così, se è vero che altrove rispetto ad AgID qualcuno sta immaginando di sviluppare software applicativo da imporre (gratuitamente, tanto paga lo Stato!) a dentisti e medici specialistici per la gestione della loro contabilità di studio. Il tutto sotto il titolo “agevoliamo il 730 precompilato”.
Motivazione nobile, per carità. Ma si potrebbe raggiungere il medesimo obiettivo semplicemente definendo standard e abilitando l’erogazione di servizi (magari in cloud) da parte degli ISV che già “abitano” coi loro applicativi nei PC di dentisti e medici.
Perché è questo, che ci aspettiamo dalla PA: standard, regole, dati e API. Stop.
Il resto, lo faccia il mercato.
E vinca il migliore. Quello che riesce a fornire servizi migliori, a prezzi congrui.
Anche perché, non dimentichiamocelo, il “gratis” non esiste. Perché se per offrire ai dentisti un software “gratuito” ci deve essere un “qualcuno” (lo Stato) che paga il conto, alla fine sono sempre soldi del contribuente.

Quindi: benvenuto, “PagoPA”.
E complimenti all’AgID. Siete sulla strada giusta.

 

Paolo Colli Franzone

Paolo Colli Franzone

Fondatore e direttore di Netics, uno tra i principali osservatori del mercato ICT specifico per la pubblica amministrazione e la sanità italiana.
Esperto di marketing strategico, collabora con alcuni tra i principali vendor IT nazionali e internazionali in qualità di advisor per il Public Sector.
E’ anche coordinatore del think tank “NextCityLife”, focalizzato sul tema delle Smart Cities & Communities.

Facebook Twitter 

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This