Market & Business

IDC: mercato della sicurezza IT cresce grazie a Terza Piattaforma

3rd platform

Il settore della IT sta affrontando una delicata quanto fondamentale fase di trasformazione legata allo spostamento sempre più sostenuto delle aziende verso le tecnologie della 3rd Platform, o , vale a dire l’It costruito su dispositivi mobili, servizi cloud, tecnologie social, e Big Data.

Nuovi dati rivelano che se nel 2013, il mercato mondiale delle soluzioni per la sicurezza IT ha rallentato la sua corsa, fermando la crescita al 3,6% per un valore di 30,6 miliardi di dollari, spinta da prodotti specificamente disegnati per rispondere alle nuove minacce emerse con la consumerizzazione, la mobility e il cloud computing, la crescita è tornata a farsi più sostenuta nel corso del 2014, chiuso secondo i dati preliminari di a 32,6 miliardi di dollari di valore, ovvero con un incremento del 6,7%. E il 2015 promette di mantenere questo ritmo, con le ultime analisi di che proiettano il mercato mondiale dell’IT security a un valore di 34,9 miliardi di dollari entro la fine dell’anno.

Le soluzioni di sicurezza IT, le aziende lo stanno realizzando sempre più, devono essere al passo con “attaccanti” sempre più organizzati e dedicati e il sistema di difesa deve adeguarsi. Il mercato della sicurezza IT sta infatti evolvendo verso strumenti di rilevamento e risposta proattivi e predittivi, in grado di prevenire rischi, minacce e attacchi mirati. E proprio una delle quattro grandi tecnologie alla base della Terza Piattaforma – la Big Data Analytics – è diventata una preziosa alleata dei “difendenti”, permettendo di innalzare le probabilità di rilevamento delle minacce e ponendo le organizzazioni aziendali in grado di rispondere di conseguenza. Molti vendor hanno negli ultimi mesi riposizionato la propria offerta, enfatizzando la maggiore sicurezza offerta dall’integrazione di tecnologie analitiche capaci di passare al setaccio enormi volumi di informazioni, log e attività di rete in tempo reale, per identificare potenziali minacce.

L’impiego di tecnologie analitiche real time da parte dei produttori di soluzioni di sicurezza IT, spiega IDC, aiuterà le aziende non solo a difendersi meglio, ma anche a liberare risorse preziose. Meno tempo sarà speso ad analizzare log e attività sensibili per la sicurezza del sistema informatico e più tempo potrà essere dedicato ad altre aree critiche della sicurezza aziendale. Vi sarà maggiore visibilità sulle minacce e vulnerabilità alle quali le organizzazioni saranno esposte e i CISO potranno ottenere una vista olistica dell’esposizione aziendale al rischio per prendere decisioni mirate a contenere particolari minacce.

A tal proposito, IDC prevede che nel 2016 il 25% delle grandi aziende deciderà di effettuare investimenti mirati alla sicurezza IT sulla base della determinazione analitica del rischio. Entro il 2017, il 75% delle grandi aziende riceverà report personalizzati di threat intelligence in base al segmento d’industria, al brand, alle dimensioni aziendali, allo scenario economico.

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This