Digitaliani

Cisco: traffico globale dei dati mobile crescerà di 10 volte entro 2019

Cisco

Secondo lo studio Cisco® Visual Networking Index™ Global Mobile Data Traffic Forecast for 2014 to 2019, l’adozione costante di dispositivi sempre più potenti e di connessioni M2M (machine-to-machine) associata a reti cellulari sempre più veloci, sono i principali elementi che contribuiranno alla imponente crescita del traffico mobile. Nel 2014, l’88% del traffico dati mobile globale è stato “smart”, con funzionalità avanzate di elaborazione/multimediali e una connessione almeno 3G; tale dato è destinato a crescere fino al 97% entro il 2019.

Il passaggio che si sta avendo a livello globale dall’utilizzo di telefoni con funzioni base agli smartphone, associato alla continua crescita dell’adozione di tablet, il ritorno dei computer portatili con funzionalità simili a quelle dei tablet nonché la crescita delle applicazioni M2M (machine-to-machine), sono i principali fattori di crescita del traffico smart. Per quanto riguarda le reti mobile globali, entro il 2017, il 3G sorpasserà il 2G, diventando la principale tecnologia cellulare basata sulla condivisione della connessione. Entro il 2019, le reti 3G supporteranno il 44% dei dispositivi  e delle connessioni mobile di tutto il mondo; le reti 4G supporteranno il 26% delle connessioni anche se genereranno il 68% del traffico.

Secondo Cisco il traffico dati mobile globale raggiungerà un run rate pari a 292 exabyte,  (un’unità di misura dell’informazione o della quantità di dati che equivale a un quintilione di byte o a un miliardo di gigabyte) entro il 2019, rispetto ai 30 nel 2014.  

I trends che favoriranno la crescita del traffico mobile sono:

  • Più utenti mobile: entro il 2019, gli utenti mobile saranno 5,2 miliardi (rispetto ai 4,3 miliardi nel 2014). Nel 2014, circa il 59% della popolazione mondiale (7,2 miliardi di persone) era costituito da utenti mobile e sarà oltre il 69% entro il 2019.
  • Più connessioni mobile: entro il 2019, i dispositivi/connessioni abilitati al mobile saranno circa 11,5 miliardi inclusi 8,3 miliardi di dispositivi mobile personali e 3,2 miliardi di connessioni M2M (rispetto ai 7,4 miliardi di dispositivi abilitati al mobile e connessioni M2M nel 2014).
  • Un mobile sempre più veloce: la velocità media delle reti mobile globali crescerà di 2,4 volte dal 2014 (1.7 Mbps) al 2019 (4.0 Mbps).
  • Più video mobile: entro il 2019, il video mobile rappresenterà il 72% del traffico dati mobile globale (rispetto al 55% nel 2014).

M2M e wearable

Come impatterà tale crescita sulle connessioni M2M mobile? Parliamo di quelle applicazioni che permettono ai sistemi wireless di comunicare con dispositivi analoghi per supportare i sistemi di navigazione GPS (global positioning satellite), il monitoraggio degli asset, contatori per il controllo del consumo di acqua, gas e elettricità, sicurezza e video sorveglianza.   Nella previsione della crescita dell’Internet of Everything, i dispositivi indossabili son inclusi come sotto-segmento della categoria delle connessioni M2M. 

Secondo Cisco il numero di dispositivi mobile crescerà globalmente di cinque volte, attestandosi a 578 milioni entro il 2019 rispetto ai 109 milioni nel 2014, con la maggior parte dei dispositivi prevista nel Nord America e nella regione Asia-Pacifico. Tutto ciò dovrebbe alimentare una crescita di 18 volte del traffico mobile generato dai dispositivi indossabili dal 2014 al 2019, la maggior parte erogato tramite gli smartphone. Nel 2014, i dispositivi indossabili hanno generato in media un traffico mensile di 6 volte maggiore rispetto ai telefoni base (indossabili = 141 Mbs di traffico mobile mensile rispetto ai 22 Mbs di traffico mensile dei telefoni base). Per fare un esempio dell’utilizzo di dispositivi wearable high-end, il livestreaming della videocamera GoPro potrebbe generare circa 5MB di traffico dati mobile al minuto. Nel 2014, le connessioni M2M hanno generato in media un traffico mensile di tre volte superiore rispetto ai telefoni base (M2M = 70 MBs di traffico mobile mensile rispetto ai 22 Mbs di mobile mensile dei telefoni base).

Tale proliferazione di device che scambieranno dati tra loro e di connessioni, sono fenomeni che vanno sostenuti, che  richiedono il supporto di reti wireless sempre più veloci e il nostro studio ci dice infatti che gli operatori sono sensibili a ciò e continueranno l’adeguamento delle proprie reti e l’adozione di reti 4G con LTE e WiFi, migliorando la velocità media di connessione mobile che sarà più che raddoppiata nel periodo 2014-2019″ commenta Max Locatelli, Director Service Provider South di Cisco.

 La maggior parte dei service provider di tutto il mondo utilizzano le tecnologie 4G per soddisfare la crescente richiesta degli utenti business e consumer di servizi e contenuti in wireless. In numerosi mercati emergenti, i service provider stanno creando nuove infrastrutture mobile con soluzioni 4G mentre nei mercati più maturi stanno integrando o sostituendo le soluzioni 2G o 3G con le tecnologie 4G. Tale che, dice Cisco, il 26% dei dispositivi e delle connessioni globali saranno abilitate al 4G entro il 2019 e il numero di connessioni 4G crescerà globalmente di 18 volte. Nel 2014, le connessioni 4G medie hanno generato 2,2 GB di traffico dati mobile mensile mentre entro il 2019 genereranno 5,6 GB di traffico dati mobile mensile, 5,4 volte maggiore rispetto a 1.0 GB mensile delle connessioni medie non 4G.

La crescita del traffico cloud mobile

Le applicazioni e i servizi cloud come ad esempio Netflix, YouTube, Pandora e Spotify permettono agli utenti mobile di superare le limitazioni dei dispositivi mobile in termini di capacità di memoria e di potenza di elaborazione. Il traffico cloud mobile crescerà di circa 11 volte dal 2014 (2 exabyte al mese) al 2019 (21,8 exabyte al mese). Nel 2014, le applicazioni cloud hanno rappresentato l’81% del traffico dati mobile totale mentre entro il 2019 rappresenteranno il 90% del traffico dati mobile totale.

In termini di tasso di crescita del traffico dati mobile nel periodo preso in considerazione, la regione del Medio Oriente e Africa registrerà il tasso si crescita più elevato con un CAGR del 72% e una crescita di 15,3 volte. Segue l’Europa centrale e orientale che registrerà un CAGR del 71% e una crescita di 14,4 volte, in coda l’Europa Occidentale che registrerà un CGAR del 48% e una crescita di 7,1 volte. In termini di generazione del traffico dati mobile, la regione Asia-Pacifico genererà la maggior parte del traffico dati mobile.

 

4 commenti

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This