Market & Business

#MobilePayment: Starbucks raggiunge i 13 milioni di utenti da mobile

080211_starbucks_logo

continua a ottenere riscontri importanti, anche e soprattutto economici, dal mobile payment: il gigante americano del caffè rivendica di aver raggiunto la quota del 90% del miliardo e seicentomila dollari spesi nei negozi statunitensi utilizzando uno smartphone nel 2013, e nel 2014 probabilmente la quota non sarà molto diversa, nonostante l’introduzione di Apple Pay nel mese di ottobre.

I conti trimestrali danno conto di un successo nel settore dei pagamenti in mobilità che il colosso non è affatto intenzionato a cedere: nel suo primo trimestre fiscale del 2015 chiuso al 28 dicembre, la società ha dichiarato di avere 13 milioni di utenti da telefonia mobile negli Stati Uniti, in decisa crescita rispetto ai 12 milioni registrati nel mese di ottobre. 

Il CEO di Starbucks Howard Schultz ha fatto dei pagamenti mobili una priorità assoluta, anche suggerendo alla fine dell’anno scorso le carte Starbucks potrebbero diventare una valuta più ampia che potrebbe essere utilizzata anche per comprare in altri negozi. Sarà una sfida, ma è chiaro che l’azienda non ha intenzione di cedere clienti ad Apple Pay, Google Wallet, o qualsiasi altro sistema di pagamento mobile.

Per ora l’applicazione Starbucks sta aiutando l’azienda a più livelli: l’applicazione ha contribuito a rinforzare il meccanismo alla base di Starbucks Rewards, il programma fedeltà dell’azienda, perché rende più facile tenere traccia degli acquisti per ottenere bevande gratuite e altri incentivi da parte degli utenti.
Ma l’app di mobile payment alimenta anche altre ambizioni di Schultz, come il processo di ordine e pagamento in mobilità delle bevande: la società ha testato la possibilità di ordinare su smartphone e ritirare nei negozi per evitare linee a Portland, in Oregon nel mese di dicembre. La sperimentazione, anche in mancanza di numeri ufficiali, deve essere andata bene visto che la società prevede di lanciare lo stesso meccanismo in altri 600 punti vendita nel nord-ovest del paese nei prossimi mesi. “Una novità che farà crescere il numero delle transazioni mobili nei negozi,” ha spiegato Schultz.

Secondo molti analisti, se è vero che Apple Pay sta macinando successi presso gli utenti di iPhone 6 e presso brand e banche, e anche Google Wallet non sta certo a guardare, l’app di Starbucks sembra destinata a rimanere popolare grazie alla sua combinazione per ora unica di forme di pagamento associate a meccanismi di ricompensa per i clienti.

1 Commento

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

1 Commento

  1. Pingback: Tlc: Lettonia rilancia stop roaming, continua confronto su net neutrality | Tech Economy

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This