Device

Wearable in azienda: in Ue solo 13% ha policy per gestirne l’impatto sui sistemi

wearable device

Ipswitch ha annunciato i risultati di un’indagine europea sui professionisti IT, condotta su 316 persone in UK, Francia e Germania, per determinare quanto le aziende siano pronte a introdurre la tecnologia indossabile nel 2015. L’indagine dimostra che un gran numero di dispositivi indossabili sarà introdotto sul luogo di lavoro nell’arco dei prossimi 12 mesi e che si connetterà all’infrastruttura IT aziendale. Tuttavia, ancora poca attenzione viene posta sull’impatto che questo avrà sulle prestazioni di rete e sulla sicurezza, con solo il 13% delle organizzazioni che dichiara di disporre di una policy per gestire l’impatto della tecnologia indossabile.

Francia e Germania sembrano procedere più rapidamente all’adozione della wearable technology rispetto al Regno Unito visto che il 34% delle aziende francesi e il 33% di quelle tedesche dichiara di voler introdurre dispositivi indossabili aziendali nel corso del 2015, mentre solo un quarto delle aziende in UK (25%) afferma che farà altrettanto.

L’indagine ha inoltre indagato sull’introduzione in azienda di tecnologie indossabili di proprietà dei dipendenti. Il 45% del campione intervistato si aspetta nel 2015 un afflusso di Apple Watch e di altri dispositivi indossabili.  Sono le aziende tedesche (41%) quelle che prevedono il maggior volume di dispositivi dei dipendenti; seguono Francia (36%) e UK (33%).

Eppure, nonostante le aziende si aspettino l’ingresso delle tecnologie indossabili in azienda, il 77% non ha policy in vigore per la gestione dell’impatto che queste tecnologie avranno sull’infrastruttura aziendale. Oggi, l’infrastruttura IT delle aziende è già sovraccarica e la nostra indagine rivela che ciò si complicherà ulteriormente nel 2015 per la maggiore presenza di tecnologie indossabili”, commenta Alessandro Porro, Vice President International Sales di Ipswitch. “Dallo studio emerge che molte aziende prevedono di trarre vantaggio delle tecnologie indossabili; tuttavia, saranno molte le sfide per l’infrastruttura IT.  Se non verranno introdotte le policy corrette, le giuste e tecnologie e i tool di monitoraggio idonei, le organizzazioni sperimenteranno cattive prestazioni di rete, scarsa disponibilità, minacce per la sicurezza e problemi di conformità”.

Secondo Porro, il miglior approccio per preparare la rete aziendale all’impatto della tecnologia indossabile è rivedere e aggiornare policy e infrastruttura di rete. Le aziende devono possedere i giusti tool che forniscano chiara visibilità su chi si collega alla rete aziendale – a prescindere dal dispositivo – cosa fa e quale impatto ha sulle prestazioni di rete.  “Un gran numero di dispositivi indossabili che si collegheranno alla rete aziendale avrà un forte impatto sulla banda wireless e rallenterà le prestazioni delle applicazioni. Tutti i nuovi dispositivi vorranno la propria fetta di rete wi-fi aziendale; questa situazione deve essere monitorata e gestita con molta attenzione”, conclude Porro.

 

 

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This