Market & Business

Su Facebook i post video aumentati del 75%: è linguaggio universale

facebook

Il numero dei post per persona su è aumentato del 75% a livello globale e del 94% negli Stati Uniti; ogni giorno le persone in media caricano più di 350 milioni di foto su , mentre cresce anche l’uso degli sticker condivisi ogni giorno sul social di Zuckerberg: in crescita del 75% dal 2013 al 2014. Infine Instagram: più di 300 milioni di persone in tutto il mondo postano più di 70 milioni di foto e video ogni giorno. Sono questi alcuni dei numeri appena comunicati dal social network secondo il quale il trend fotografato non fa altro che confermare una tendenza ormai diffusa, ovvero il forte aumento da parte delle persone dell’uso del linguaggio visivo per comunicare. Un’abitudine sostenuta dalla tecnologia mobile che “mette a disposizione delle persone una fotocamera sempre pronta per catturare e condividere immagini e esprimere se stessi utilizzando la vista, i suoni e il movimento.”

Quale effetto su Facebook? Dal momento che le persone creano, postano e interagiscono sempre con più video su Facebook, la composizione del News Feed sta cambiando” spiegano, tanto che, globalmente, la quantità di video dalle persone e dai brand nel News Feed è aumentata di 3.6 volte anno dopo anno. Da giugno 2014, Facebook ha raggiunto la media di 1 miliardo di visualizzazioni video ogni giorno e in media, più del 50% delle persone che accede a Facebook ogni giorno negli Stati Uniti guarda almeno un video al giorno.

“Una significativa porzione di queste visualizzazioni video avvengono da mobile: il 65% a livello globale. Questo passaggio ai video mobile continua grazie a una connessione più veloce, un accesso meno oneroso e schermi più grandi e a più alta definizione. Dal momento che gli adulti negli Stati Uniti usano 1 dei loro 5 minuti spesi su mobile su Facebook e Instagram, queste piattaforme saranno chiave in questa crescita.”  E Facebook diventa anche il luogo dove più frequentemente gli utenti si imbattono, o scoprono, i video: il 76% delle persone che utilizza Facebook negli Stati Uniti dice che tende a scoprire i video proprio su Facebook”.

Mobilità in crescita e video in aumento non fanno altro che offrire ai brand, spiega Facebook, “maggiori opportunità di raggiungere le persone in maniera visivavamente interessante, trascendendo le barriere linguistiche attraverso uno schermo che è con le persone ovunque e sempre. I brand hanno infatti bisogno di portare le storia in vita nel giro di pochi secondi.” 

Purchè gli stessi brand comprendano l’importanza di strutturare i video con attenzione: il valore è creato molto rapidamente, iniziando dalla prima immagine e i primi pochi secondi (~3) del video. Per far sì che i pollici si fermino e le persone guardino, va assicurata una forte creatività dal primo frame in poi. Il valore incrementale va al di là dei primi pochi secondi. Ciò che alla fine conta è il contenuto e la storia. Mentre le persone tendono a guardare video corti, guarderanno video più lunghi fintantochè questi video gli raccontino buone storie.”
Inoltre, suggerisce Facebook,visto che le persone guardano sempre più video dai loro dispositivi mobili durante il giorno, vanno creati video che funzionino bene sia con audio sia senza cosicchè le persone possano essere coinvolte anche se il video viene visto in silenzioso.” E infine campagne multischermo e per velocità di connessione differenti:Le imprese dovrebbero ottimizzare la oro creatività per diversi schermi, dispositivi e velocità di connessione per raggiungere le persone nella maniera più convincente ed efficace.”

Dati, trend e consigli pratici che non fanno che confermare l’estrema attenzione del social di Zuckerberg verso il mobile e verso i video, trend realmente in crescita come testimoniano le analisi di molti osservatori.

 

3 commenti

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

3 Comments

  1. Pingback: Winter Friware: fine del mondo, leap second e videogiochi vintage | Netconsulting

  2. Pingback: Video online: Facebook compra QuickFire Networks | Tech Economy

  3. Pingback: Social care, IoE e droni: ecco cosa cambierà dopo l'evento F8 di Facebook | Tech Economy

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This