Market & Business

E-commerce: entro 2018 sarà l’8% del totale delle vendite globali al dettaglio

Secondo i nuovi dati pubblicati da quest’anno le vendite al dettaglio in tutto il mondo, comprese quelle in-store e gli acquisti su internet, raggiungeranno i 22.492 miliardi di dollari. Il mercato globale dedicato alla vendita al dettaglio vedrà una crescita costante nei prossimi anni e nel 2018 a livello mondiale aumenterà del 5,5% per raggiungere i 28.300 miliardi di dollari.

Le previsioni eMarketer comprendono anche una ripartizione del totale delle vendite e-commerce e retail in 22 paesi, così come il numero di consumatori che fanno acquisti e comprano beni via internet in ciascuno di tali mercati.

Quando si tratta di prodotti e servizi acquistati su internet, l’e-commerce rappresenta il 5,9% del totale del mercato di vendita al dettaglio in tutto il mondo nel 2014, pari a 1.316 miliardi di dollari. Entro il 2018, la quota aumenterà in modo significativo fino a raggiungere l’8,8%. Tuttavia l’e-commerce continua a rappresentare solo una frazione degli acquisti in-store, pur rappresentando un mercato da 2.500 miliardi di dollari per il 2015.

retail ecommerce

Cina e Stati Uniti costituiscono il mercato e-commerce più grande del mondo, combinando oltre il 55% delle vendite online al dettaglio a livello mondiale nel 2014. La Cina supererà i 1.000 miliardi di dollari per le vendite al dettaglio effettuate tramite e-commerce entro il 2018, una cifra che rappresenta oltre il 40% del totale mondiale. Gli Stati Uniti, dal canto loro, manterranno una rispettabile seconda posizione nel mercato fino a 2018, per un totale di quasi 500 miliardi di dollari, mentre il Regno Unito si attesterà al terzo posto, con circa un quarto di questa cifra.

Ma soprattutto nel settore dell’e-commerce la quota totale delle vendite al dettaglio può significare cose diverse in mercati diversi. Nel caso degli Stati Uniti, gli acquisti in store e la vendita al dettaglio continuano a guidare il mercato, così come la propensione dei consumatori per l’acquisto in-store. Circa il 63% della popolazione degli Stati Uniti farà un acquisto digitale quest’anno, ma solo il 6,5% delle vendite al dettaglio si concluderanno su Internet, aumentando solo dell’8,9% entro il 2018. In altre parole, la maggior parte dei consumatori degli Stati Uniti fa acquisti on-line, ma più di 10 dollari su 11 sono ancora spesi nei negozi.

Gli altri due mercati più grandi per l’e-commerce, la Cina e il Regno Unito, hanno percentuali molto elevate di vendite al dettaglio rispetto agli Stati Uniti ma tendenze differenti. Ad esempio, i consumatori che acquistano on-line almeno una volta nel corso dell’anno, rappresenteranno solo il 27,5% della popolazione cinese nel 2014, mentre più del 10% di tutti gli acquisti al dettaglio avviene via internet. Questo spiega il fatto che i consumatori in Cina che acquistano on-line lo fanno spesso e con una tempistica specifica. D’altro canto, più del 73% della popolazione del Regno Unito farà un acquisto online quest’anno. Con una percentuale di e-commerce pari al 13,0% del totale delle vendite al dettaglio nel Regno Unito, il paese si posiziona come il terzo mercato in fatto di ecommerce, nonostante sia solo ottavo sul fronte delle vendite al dettaglio.

1 Commento

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

1 Commento

  1. Pingback: Deals, e-couponing e aggregatori di sconti: di cosa parliamo? | Tech Economy

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This