Market & Business

Riconoscimento vocale: Facebook acquista Wit.ai

fb-wit

ha acquisito , una startup attiva sul tema del riconoscimento vocale fondata 18 mesi fa, che fornisce API per la creazione di interfacce ad attivazione vocale con più di 6.000 sviluppatori già attivi sulla sua piattaforma.

Come si inserisce questa acquisizione nel business di Facebook per certi versi è Wit.ai a spiegarloLa missione di Facebook è quella di collegare le persone e costruire esperienze incredibili per gli oltre 1,3 miliardi di utenti della piattaforma. La tecnologia che capisce il linguaggio naturale gioca un grande ruolo in questo processo, e noi pensiamo di poter aiutare.” 

Wit.ai ha costruito una API per l’elaborazione del linguaggio naturale incredibilmente semplice e potente che ha aiutato gli sviluppatori trasformare voce e testo in dati utilizzabili per comandare i sistemi” ha spiegato Facebook a TechCrunch “Siamo entusiasti di averli a bordo.”

Ma nonostante l’acquisizione, Wit.ai spiega che la sua piattaforma rimarrà aperta e gratuita per tutti. E ‘probabile che Facebook sfrutterà i servizi di Wit.ai per attirare nuovi sviluppatori: il social network di Zuckerberg già fornisce agli sviluppatori risorse e applicazioni per costruire app sulla sua piattaforma, nella speranza che tali sviluppatori, un giorno, paghino la stessa Facebook per la pubblicità. Ma la tecnologia di Wit.ai potrebbe anche integrarsi direttamente anche con Facebook stesso ad esempio con il controllo vocale presente in modo nativo sull’app di Facebook o con un input vocale per comporre i messaggi su Messenger, ad esempio.

 

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This