Digitaliani

Domotica: nuove collaborazioni per Nest, arrivano LG, Philips e Whirlpool

nest-termostato-final

Novità in casa Nest: acquistata da Google esattamente un anno fa, l’azienda attiva nel mondo della e dell’ continua ad ampliare il palco collaborazioni esterne per integrare nei suoi sistemi di regolazione intelligente della temperatura domestica, anche altre app e funzioni legati al tema di crescente interesse mondiale delle smart home.

Nest ha infatti annunciato, in occasione dell’appuntamento mondiale con l’elettronica di consumo del CES di Las Vegas, quindici nuove collaborazioni con altrettanti player di settore, nuove partnership che integrano il programma “Works with Nest” con cui Nest e Google hanno aperto all’apporto di società terze.

E ci sono grandi nomi e interessanti nuove funzioni, in ballo: Smart Lock di August, ad esempio, che permetterebbe di scaldare o raffreddare casa quando gli utenti aprono la porta di casa, Insteon per controllare le luci e sensoristica diffusa via app ma anche Philips con Hue lighting che possono richiamare l’attenzione degli abitanti di casa su un eventuale mal funzionamento del termostato Nest con segnalazioni luminose. E le automobili saranno anche in questo caso protagoniste, soprattutto quando Nest verrà usata in collaborazione con Automatic: il sistema progettato per migliorare le abitudini di guida potrà dire automaticamente a Nest che si è diretti a casa e il termostato attiverà il riscaldamento domestico.

Le quindici nuove collaborazioni saranno operative nel corso dell’anno, secondo una tabella di marcia precisa: nel corso del 2015 arriverà ad esempio la collaborazione con Whirlpool mentre più prossima è quella con LG: se Nest sa che non c’è nessuno in casa, farà in modo di far entrare, ad esempio, il frigorifero LG in modalità di risparmio energetico.

Le nuove partnership ampliano un palco collaborazioni che già vanta nomi di rilievo: Nest lavora già con dispositivi popolari come i wearable di Jawbone, telecomandi Logitech, telecamere di sicurezza Dropcam, e servizi come Google Now e ifttt e di recente l’azienda ha anche stretto una collaborazione con Airbnb in Usa. L’impegno di Nest è quindi sempre più orientato a porsi come vero e proprio sistema di servizi integrati a disposizione delle case intelligenti del futuro.

2 commenti

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

2 Comments

  1. Pingback: Nest: 15 nuove collaborazioni per rendere la vostra casa più Smart - Tutto Android

  2. Pingback: #CES2015: protagonista assoluto è l'Internet of Things | Tech Economy

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This