Market & Business

IoT: in Usa il 65% dei consumatori è interessato a soluzioni smart home

Internet-of-Things

Secondo l’ultima ricerca dell’Internet of Things Consortium (IOTC) quasi il 65% dei consumatori americani sono moderatamente o molto interessati ad adottare una soluzione intelligente per la propria casa e il 71% di questi fanno acquisti basati sul passaparola di amici e parenti o sulle raccomandazioni dei dipendenti presenti nei punti vendita. Inoltre due terzi degli intervistati sono ancora molto preoccupati per la privacy, evidenziando la necessità, per lo più diretta agli operatori del settore, di occuparsi dei temi relativi alla privacy e ai problemi di sicurezza proprio per far decollare questo settore.

La ricerca, commissionata dai membri IOTC, come Greenwave Systems, August, GK Digital Media e NXP Semiconductors a IDC, ha previsto l’intervista a 1.005 consumatori statunitensi, di età compresa tra 18 e oltre, al fine di capire i loro atteggiamenti verso gli acquisti dei prodotti smart per la casa.

Mentre variabili come sesso e reddito svolgono un ruolo nella volontà del consumatore di acquistare prodotti centrati sull’Internet of Things (), questi fattori non influenzano sempre le loro preferenze. L’indagine ha rilevato che, a prescindere dall’età e dal sesso, il 54% dei consumatori si basa sul passaparola per avere informazioni specifiche circa l’acquisto di prodotti per le smart home. Un giro di consigli e influenze che ha due volte l’impatto delle fonti d’informazione tradizionali come la TV e gli annunci su Internet. I rivenditori, in ogni caso, continuano ad avere un’influenza significativa sugli acquisti nei negozi per il 43% degli intervistati: sono la seconda fonte più utilizzata e una delle più attendibili.

Con il crescente numero dei consumatori per l’IoT, è chiaro i consumatori stanno cercando attivamente modi diversi per migliorare il loro stile di vita digitale grazie all’impiego dei dispositivi intelligenti, sia per aiutarli ad essere più efficienti che per risparmiare denaro (44%). Nonostante questo aspetto, il 51% dei consumatori è ancora preoccupato che il costo totale per questi dispositivi superi i suoi reali benefici.

Alcuni dei risultati del sondaggio:

  1. Il 66% degli intervistati esprime ancora preoccupazione per le questioni legate alla privacy.
  2. Oltre il 60% ha dichiarato di considerare la sicurezza e l’efficienza energetica i vantaggi più interessanti legati ai device smart home.
  3. Per quanto riguarda le future soluzioni per la casa, il 37% degli intervistati vuole essere in grado di migliorare la propria esperienza di home entertainment trasferendo facilmente spettacoli e contenuti da un dispositivo all’altro. La stessa percentuale desidera la possibilità di controllare i propri elettrodomestici tramite un assistente vocale.
  4. C’è una forte evidenza che gli smartphone siano il dispositivo centrale per il controllo della tecnologia della casa intelligente: quasi un quarto dei consumatori americani potrebbero prendere in considerazione una soluzione intelligente a casa solo se possono controllarla con il proprio smartphone.
  5. I consumatori americani hanno inoltre dichiarato che sarebbero aperti alla visualizzazione degli annunci pubblicitari sui dispositivi domestici. Più di un terzo ha dichiarato che sarebbe disposto ad accettare pubblicità commerciale se ciò dovesse abbattere i costi dei prodotti o dei servizi domestici connessi.

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This