Mobile Payment

BI e #MobilePayment: a che punto siamo con il mPOS?

Mobile Payment Square

Il settore del retail è stato profondamente scosso dai Mobile Point Of Sale () e il primo device a rivoluzionare completamente il settore è stato un semplice card reader mobile di Square, che collegato a smartphone e tablet, consente di ricevere transazioni in qualsiasi momento e in qualunque luogo. Da allora, il settore è esploso con soluzioni , ma non tutti restano in piedi e molte delle imprese specializzate nel servizio stanno lottando per capire come monetizzare efficacemente le transazioni per rendere il sistema conveniente sia ai rivenditori che a loro stesse. Business Insider a questo proposito ha realizzato un report, consultabile qui, per comprendere meglio il settore, capire le esigenze dei rivenditori e rivedere i numeri delle statistiche più diffuse.

Tra le principali novità emerse:

1.  Un chiarimento sulla definizione di mPOS e sullo stato dell’arte. MPOS è un termine generico per diverse varietà di hardware e software: dal lato hardware i dispositivi sono spesso accoppiati con uno smartphone o un tablet, anche se i device stand-alone come Poynt stanno diventando sempre più diffusi; dal lato software i servizi mPOS sono di solito totalmente o parzialmente basati sul cloud e funzionano su sistemi operativi mobili.

2.  Quello dei mPOS è un trend crescente, ma l’adozione del sistema per la vendita al dettaglio è inferiore a quanto i sondaggi suggeriscono. Diverse analisi, infatti, stimano l’adozione del mPOS oltre il 40% negli Stati Uniti tra piccole e medie imprese, ma secondo BI l’adozione è decisamente inferiore per i commercianti al dettaglio.

3.  Le aziende che forniscono soluzioni e servizi di mPOS hanno originariamente ottenuto ricavi attraverso l’elaborazione delle transazioni, ma poiché i dispositivi mPOS attirano soprattutto i commercianti con un fatturato di basso volume, acquisirne un numero sufficiente per sostenere un business è una sfida continua.

4. Il modello di business si sta spostando dalla semplice offerta del servizio a ulteriori offerte a valore aggiunto basate sul software. I provider di MPOS si stanno rendendo conto che fare upselling su rivenditori già acquisiti è una strategia più proficua, piuttosto che concentrarsi esclusivamente sull’acquisire più commercianti possibili: le piccole imprese, nel momento in cui accettano il servizio, sono spesso alla ricerca di altre soluzioni di business legate al marketing o, ad esempio, alla gestione del libro paga.

Come si vede, il settore è estremamente variegato e dinamico ed offre tante potenzialità quante difficoltà.

Business Insider mPOS

Eugenio Maddalena

Eugenio Maddalena

Consulente di comunicazione digitale e formatore, è appassionato delle dinamiche che riguardano l’impatto delle nuove culture digitali all’interno della società, dal business alla politica. Nasce nel 1987, anno in cui si sono sciolti gli Smiths e sono nati i Nirvana.

Facebook Twitter LinkedIn Google+ 

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This