Mobile Payment

#MobilePayment: in Cina volano le transazioni via Alipay

Alipay

La quota di transazioni avvenute con , la piattaforma di pagamento online di proprietà della cinese Alibaba, è salita al 54% delle transazioni complessive nei primi dieci mesi dell’anno in Cina. Un salto notevole considerato che, secondo fonti vicine all’azienda, nello scorso anno e per lo stesso periodo considerato, il dato si attestava a 22 punti percentuali. è il principale fornitore di servizi di pagamento della Cina ed è controllato dal Presidente Esecutivo di Alibaba e Fondatore Jack Ma.

Secondo una dichiarazione proveniente da Ant Financial Services Group, azienda proprietaria di Alipay, più del 55% di tutte le transazioni tramite device mobili dall’inizio dell’’anno a ottobre provengono dalle città più grandi e dalle province costiere, tra cui Pechino, Shanghai, Guangdong, Zhejiang e Jiangsu, ma l’incremento è stato segnato in modo particolare dai consumatori nelle zone rurali e nelle città più piccole.

Come riporta Reuters, un portavoce ha dichiarato che l’incremento è dovuto ad una serie di fattori tra cui la crescente adozione di device mobili in Cina, la crescita continua del m-commerce, il costo relativamente basso dei dispositivi rispetto ai computer e il crescente aumento delle opzioni e dei servizi di Alipay.

1 Commento

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

1 Commento

  1. Pingback: Cina: pronta norma per "costringere" i colossi a offrire servizi di online payment concorrenti | Tech Economy

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This