Digitaliani

Frost & Sullivan: per l’IoT serve attenzione su dati, comunicazioni e sicurezza

IOT

Migliorare la velocità e l’affidabilità delle comunicazioni, imporre un unico standard in tutta l’azienda, disporre di una piattaforma di sicurezza robusta e gestire i dataset di grandi dimensioni sono fondamentali per il successo nel panorama fortemente dinamico dell’Internet delle cose. Questa, in estrema sintesi, è quanto contenuto in una nuova analisi di Frost & Sullivan, intitolata “Internet of Things ()—Challenges and Impediments”.

La diffusione delle tecnologie wireless e dei dispositivi intelligenti, infatti, ha portato alla rapida evoluzione dell’ Internet delle cose, una forza dirompente che attraversa tutti i settori e che, si prevede, trasformerà la catena del valore del settore produttivo grazie ad uno stato di iper-connettività. Anche se è solo una questione di tempo prima che gli utenti finali vedano i vantaggi della raccolta di dati in tempo reale e dell’analisi approfondita delle molteplici variabili di processo provenienti dalle risorse distribuite, restano diversi ostacoli lungo la strada per garantire un alto livello di continuità degli affari.

La sicurezza, specialmente nelle infrastrutture critiche, rappresenta una preoccupazione chiave per gli utenti finali, a causa del numero di potenziali punti di attacco e della potenziale entità dell’impatto, – afferma Rahul Vijayaraghavan, analista di Frost & Sullivan. – Ora che il mercato di Internet delle cose si muove verso reti di controllo semi- e completamente autonome, gli utenti finali avranno una consapevolezza e un controllo limitati in caso di attacchi mirati, aumentando così il rischio di interruzioni improvvise dei servizi.”

Indubbia la necessità di riuscire a gestione gli alti volumi di traffico dati generati dalle molteplici risorse connesse. Gli utenti finali devono decidere quali dati critici (di sicurezza, finanziari e operativi) gestire in casa e quali spostare progressivamente all’esterno verso fornitori di piattaforme di servizi. “Poiché i dati stanno diventando la moneta del futuro, i produttori devono effettuare ulteriori investimenti per soddisfare i requisiti critici degli utenti finali in termini di storage, gestione, strumenti di analisi e proprietà dei dati, – osserva Vijayaraghavan. – La capacità di stringere alleanze solide con i partecipanti alla catena del valore nell’ecosistema di Internet delle cose determinerà se i fornitori di soluzioni potranno sostenere la crescita in questo dominio in rapida evoluzione.”

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This