Market & Business

Intel: nuovo investimento in Gigya, startup di social log in

gigya-sign

Gigya, impegnata nel supporto e nella gestione dei clienti per conto di grandi gruppi editoriali, ha annunciato di aver raccolto 35 milioni di dollari da un giro di finanziamento guidato da Intel Capital.

Il CEO Patrick Salyer afferma che si tratta di un investimento strategico da parte di Intel. Infatti è ancora “troppo presto per avere un quadro completo di come le due aziende prevedono di lavorare insieme” ma, secondo Salyer, Gigya si sta espandendo al di là delle piattaforme sociali (come Facebook) e ha bisogno di una progettazione di più ampio respiro, che solo una grande società come può garantire. Viceversa, Gigya collaborerà con sicurezza ma al momento non sono stati resi noti i dettagli della partnership.

In particolare, Gigya aiuta i grandi marchi globali, come Fox o CNN, a gestire i login sui social network e le informazioni sull’identità degli utenti sui loro siti web con l’obiettivo di profilare l’utenza. In pratica l’azienda è conosciuta per la tecnologia che consente, attraverso un unico login da piattaforme come Facebook o Google, di creare un profilo su un sito di terze parti come CNN. Ma, a detta di Salyer, d la società è impegnata in progetti che vanno ben oltre la gestione e la protezione delle identità dei consumatori: infatti, sul lungo periodo, Gigya ha in programma di lavorare sulla protezione delle identità legate alle carte di credito e ai pagamenti.

Stiamo assistendo ad una trasformazione“, ha detto Salyer. “Veniamo da una fase in cui le identità di terze parti erano legate ai login sui social network ma ora la definizione stessa di identità sta cambiando … per includere i pagamenti e la sicurezza. In questo nuovo mondo, che sono i giocatori che contano? Oltre a Facebook, ci sono Amazon e PayPal “. Come risultato, Gigya e Intel stanno sviluppando un servizio legato alla “prossima generazione di identità dei consumatori” e ad un’autenticazione utente “più sicura e affidabile”.

Ad oggi, i numeri di Gigya sono di tutto rispetto. Gli strumenti messi a disposizione dall’azienda sono utilizzati da più di 700 clienti (tra cui NBC, Forbes, Tommy Hilfiger, e Barneys New York) e solo quest’anno la compagnia ha gestito 1 miliardo, tra iscrizioni ed accessi.

Questo round di finanziamento porta di Gigya ad avere una base di 104 milioni di dollari e un team di sostenitori che include nuovi investitori, come Common Fund Capitale e Vintage Investment Partners, e vecchi partner, come Adobe, Advance Publications, Benchmark Capital, DAG Ventures, Greenspring Associates e Mayfield Fund.

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This