Market & Business

Google parla indiano: 300 milioni di nuovi utenti entro il 2017

google-headquarters-sign

non si lascia sfuggire il mercato indiano e lancia The Indian Language Internet Alliance, un’importante alleanza con un gruppo di editori per promuovere la lingua indiana sul web. Il gigante di Mountain View mira a coinvolgere 300 milioni di utenti di lingua indiana entro il 2017, lavorando insieme a Times Internet, C-Dac, Reverie Language Technologies, LinguaNext Technologies, DB Digital, Amar Ujala Publications e altri per aumentare notevolmente i contenuti prodotti in lingua Hindi.

google_indian_language_internet_alliance_ndtvA tale fine Google ha lanciato hindiweb.com, un portale che aggrega i contenuti Hindi sul web con lo scopo di eliminare i vari ostacoli all’accesso dei contenuti in lingua indiana, concentrandosi principalmente sulla creazione di standard per le lingue indiane per migliorarne la visibilità. Google offre la possibilità di ricerca vocale in Hindi su smartphone Android e ha da poco lanciato su Google Play una tastiera dedicata (Google Hindi Input), oltre ad aver messo a disposizione 15 differenti font hindi, tutti open source, promettendo di arrivare a 50 entro la fine dell’anno.

Come sostenuto da Rajan Anandan, Google India MD, citando una ricerca sui lettori in India (IRS), “abbiamo 198 milioni di indiani che parlano inglese e quasi tutti sono on-line. Ma esistono anche 400 milioni di indiani che parlano hindi e che non hanno accesso a contenuti web nella loro lingua.”
Dati importanti per Google, soprattutto considerando che gli utenti indiani attualmente online sono circa il 16% della popolazione, con un target vastissimo ancora da raggiungere grazie all’implementazione delle altre lingue indiane sul web, partendo dall’hindi.
Gli ostacoli principali alla crescita di contenuti in lingua indiana su internet sono, secondo Google:  l’accesso, la reperibilità, i contenuti e l’innovazione. Anandan sottolinea l’accesso limitato ai contenuti di lingua indiana sul web che, se presenti, spesso sono difficilmente reperibili per problemi di conformità Unicode. Parte della soluzione proposta da Google è di incoraggiare le persone a pubblicare più contenuti in Hindi e visualizzarli attraverso hindiweb.com. Anandan inoltre sostiene che non ci sono molte start-up in India e l’innovazione non punta su app in lingua indiana.

Amit Singhal, Vice presidente senior di Google, ha dichiarato: “La missione di Google è quella di garantire informazioni universalmente accessibili a livello mondiale e questo include i milioni di utenti in India, che stanno per affacciarsi al web per la prima volta. La ricerca vocale hindi è solo uno dei tanti passi di Google per incentivare gli utenti e gli inserzionisti di lingua indiana a sfruttare l’enorme potenziale economico e sociale del webAttraverso questa importante alleanza vogliamo aiutare i creatori di contenuti ad agire subito e costruire contenuti rilevanti per i nuovi utenti di telefonia mobile in lingua indiana.

Un altro importante passo avanti di Google nella ricerca dei mercati emergenti, dove l’India promette grandi possibilità grazie ad una popolazione di 1,2 miliardi di persone, la maggior parte delle quali ancora non attiva sul web.

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This