Market & Business

Gartner: l’e-commerce in India raggiungerà i 6 miliardi di dollari nel 2015

india_ecommerce_shopping-cart_beveled

Entro il 2015 il mercato e-commerce indiano raggiungerà un valore di 6 miliardi di dollari, con un aumento del 70% rispetto ai 3,5 miliardi di dollari registrati nel 2014. Sono queste le stime che emergono dalle ricerche rese note da Gartner  secondo cui il commercio digitale facilita le transazioni di acquisto sul Web, sostiene la creazione e lo sviluppo continuo di un rapporto tra il cliente/consumatore e il settore business attraverso molteplici settori: dal commercio all’ingrosso, alle vendite dirette e indirette, fino ad arrivare ai call center e ai canali di vendita digitali. Un panorama in evoluzione e che vede nei paesi emergenti un orizzonte fatto di grandi promesse.

Il commercio digitale è in una fase nascente in . Tuttavia, l’ è uno dei mercati e-commerce in maggiore crescita in tutta l’Asia e nella zona del Pacifico“, ha detto Praveen Sengar, research director di Gartner. “L’India rappresenta un mercato da 3,5 miliardi di dollari e registra una crescita di circa il 60%-70% ogni anno. Rappresenta meno del 4% del totale del mercato al dettaglio. Il B2C (business to consumer), al momento, è il leader del mercato in India, mentre il B2B (business to business) è limitato alle imprese che guidano i canali online per integrare i loro affari con partner e distributori“.

È però il a trainare il mobile commerce. Prodotti di consumo, vestiario, aziende alimentari hanno iniziato a investire nel mobile commerce. Tuttavia meno del 5% del commercio digitale totale avviene tramite cellulare. Proprio per questo motivo il mobile commerce potrebbe aiutare le imprese a bypassare il desktop per puntare sui dispositivi intelligenti, ora a prezzi accessibili e dotati di una buona connettività. I dati, infatti, sembrano dare ragione a questa tendenza che registra il 30% di traffico per i siti di eCommerce proprio da mobile e tablet.

Il mercato digitale è maturo; i fornitori storici stanno investendo nella costruzione delle loro piattaforme di commercio, e in settori strategici, come la ricerca, la gestione degli ordini e il marketing” afferma Sengar. “I fornitori sono sempre più concentrati a conquistare nuovi clienti e ad acquisire la concorrenza, spesso a scapito di una visione futura. Ciò ha portato ad una riduzione dei protagonisti nel mercato dell’eCommerce digitale nel mercato e, allo stesso tempo, all’ampliamento delle piattaforme esistenti“.

Le aziende digitali nel prossimo futuro diversificheranno i propri investimenti con l’obiettivo di restare competitivi in un mercato sempre più agguerrito: attraverso una maggiore personalizzazione dell’offerta, l’intensificazione del marketing digitale, un uso esteso del Web analytics e dei big data.

L’India ha circa 200 milioni di utenti sui social network che costituiscono un canale importante per capire e interagire con i clienti. Capire il mercato dei paesi emergenti richiede quindi nuove strategie di vendita, l’offerta di marketplace ad hoc e di servizi di portata globale. Di fronte ad uno scenario così composito nessun modello di distribuzione dominerà il mercato del commercio digitale ma sarà il mix di strategie a decretare il successo degli attori in campo.

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This