Digitaliani

Tecnologie per le smart city: mercato varrà 27,5 miliardi entro il 2023

smart-cities

La rapida urbanizzazione, soprattutto nelle regioni del mondo in via di sviluppo, sta creando crescente domanda di reti intelligenti, sistemi avanzati per il monitoraggio delle acque così come sistemi di gestione dei trasporti e la costruzione di edifici ad alta efficienza energetica. Sostenute dalle tecnologie dell’informazione e della comunicazione (TIC), che sono profondamente radicate nel tessuto delle città vecchie e nuove, queste tecnologie hanno il potenziale per cambiare profondamente il modo in cui le città funzionano e come le persone vivono e lavorano in questi ambienti: recenti stime supportano questa visione, prevedendo investimenti globali cumulativi in tecnologie per le in crescita fino a raggiungere un totale di 174,4 miliardi di dollari tra il 2014 e il 2023. E non solo: il mercato globale delle potrebbe valere più di 27,5 miliardi dollari l’anno entro il 2023, rispetto agli 8,8 miliardi di dollari nel 2014. Gran parte di questa crescita dovrebbe avvenire, secondo i ricercatori, nella zona asiatica, che è destinata a diventare il più grande mercato le tecnologie per le entro il 2015 e di crescere fino a raggiungere i 11,3 miliardi dollari l’anno il 2023.

I progetti pilota sulle Smart City in tutto il mondo stanno dimostrando i vantaggi dell’innovazione tecnologica applicata alle città”, ha spiegato Eric Woods, della Navigant Research. “Ora, i leader mondiali devono dimostrare come queste tecnologie possano andare incontro alle preoccupazioni quotidiane dei cittadini, sviluppando di nuove forme di coinvolgimento, utilizzando strumenti di analisi per comprendere meglio le esigenze effettive.”

Ma le nuove esigenze dettate dalle smart cities stanno incoraggiando anche ricerca sulle fonti rinnovabili, dando ampio spazio alla modernizzazione delle infrastrutture. Le città sono tradizionalmente un punto di riferimento per complesse questioni economiche, ambientali, sociali, tecnologiche ma con l’evoluzione della filosofia alla base delle smart cities si registra una crescente, e inevitabile, domanda di risorse energetiche più pulite e più efficienti con l’obiettivo di soddisfare le esigenze di una popolazione urbana che toccherà i 2,4 miliardi di persone nei prossimi 35 anni.

Sempre secondo Navigant, la diffusione delle tecnologie per le smart cities e le politiche ad esse legate, stanno aiutando a guidare cambiamenti radicali e fondamentali nelle gestione delle risorse energetiche. “Le città di tutto il mondo stanno riconoscendo l’importanza dei cambiamenti nelle infrastrutture energetiche e nei mercati dell’energia“, afferma Eric Woods “Oltre ad essere al centro di numerosi progetti pilota sulla sostenibilità ambientale, le città stanno diventando sempre più proattive sul fronte delle energie rinnovabili e incoraggiano residenti e aziende ad abbracciare questo cambiamento”.

Il supporto alle fonti rinnovabili da parte delle autorità cittadine pubbliche, infatti, è in aumento: il settore pubblico sta lavorando per integrare i propri servizi ad un’infrastruttura facilmente gestibile e sostenibile dal punto di vista ambientale, che in breve tempo dovrebbe portare ad un risparmio delle spese e dei costi di manutenzione.

Dal rapporto emerge così con forza la necessità che le politiche energetiche del futuro debbano lavorare inevitabilmente sul concetto di efficienza energetica a più livelli, da quello nazionale fino ad arrivare alla dimensione locale. Come ad esempio attraverso il costante miglioramento delle infrastrutture nazionali e la promozione in tutte le città di programmi municipali per la produzione di energia locale, meno dispendiosa e con un minore impatto ambientale.

Valentino Moretto

Valentino Moretto

Valentino Moretto è laureato in Ingegneria Gestionale ed è capo Ricerca e Innovazione di beMINT. Consulente esterno della rete di farmacie Farm@net (tra le prime reti di farmacie in Italia).
Ha lavorato presso il Distretto Tecnologico Pugliese “Dhitech Scarl”, sulla pianificazione e progettazione di servizi innovativi per le smart city. Membro del Living Lab “Puglia Smart Lab” (facente parte rete europea ENOLL).
Ha pubblicato ed è stato relatore di numerosi contributi riguardanti il mondo delle smart city e l’efficientamento della PA.

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This