Market & Business

Microsoft: arriva Skype Qik, nuova app per video chat

HT_skype_qik_jtm_141013_16x9_992

Novità sul fronte delle video chat e stavolta la notizia arriva proprio da Microsoft. L’azienda ha annunciato il lancio di Quik, un servizio di scambio e condivisione di video messaggi che utilizza chat singole o di gruppo “a tempo”. I video condivisi, infatti, hanno una durata in rete di 2 settimane e, se un messaggio o un video è stato inviato per errore, l’utente avrà al possibilità di cancellarlo dopo averlo guardato.

L’obiettivo è quello di creare uno strumento semplice e spontaneo per la registrazione e la condivisione di contenuti video, utilizzando un sistema di autenticazione basato sulla verifica del numero di telefono, in stile WhatsApp, e mettendo a disposizione dell’utente una chat all’interno della quale i tradizionali messaggi testuali sono sostituiti da video messaggi.

Gli utenti avranno, inoltre, la possibilità di condividere i video anche con le persone che non hanno installato l’applicazione. In tal caso i propri contatti riceveranno un SMS con le istruzioni per effettuare il download dell’app.

Tuttavia Quik non è una novità assoluta. L’esordio risale a sette anni fa, quando Quik era un servizio di condivisione e streaming video in concorrenza con Youtube fino all’acquisto da parte di , che ad aprile 2014 ha ritirato l’applicazione originale in attesa di modifiche.

Ora Skype Qik è diventata un’app stand-alone, indipendente quindi dal client Skype, e disponibile per Android, iOS e Windows Phone.

Il motivo della disponibilità su diverse piattaforme sembra chiaro: Microsoft, attraverso Quik, punta al mercato mobile e alla competizione con prodotti simili nella categoria della videochat.

Skype Qik è la prima applicazione di messaggistica video per mobile” ha dichiarato Piero Sierra, direttore mobile per Skype, in un’intervista. Si tratta di un partner ideale per le per conferenze audio e video del fratello maggiore Skype, che con oltre 300 milioni di utenti costituisce una base utenti di tutto rispetto, ma che con l’approdo alla versione per telefoni cellulari non ha saputo offrire un’offerta realmente alternativa messa in campo dalla concorrenza, rappresentata da Apple FaceTime, Google, Facebook Messenger, e innumerevoli altre applicazioni di text-messaging dedicate a scambi e chat veloci.

Oltre che sul fronte del mobile, infatti, è sul terreno della velocità che si gioca la partita di Quik.

Componente essenziale del servizio, nei progetti dei suoi ideatori, è la rapidità di utilizzo. Basta uno swipe verso il basso nella schermata principale per attivare la registrazione video con la cam anteriore o posteriore dello smartphone, selezionare i contatti con cui si intende condividere il filmato ed procedere all’invio.

È possibile creare rapidamente dei gruppi; aggiornare costantemente la propria chat; avviare una conversazione in qualsiasi momento, senza bisogno di nome utente e password. Inoltre, grazie a Qik Flick, sarà possibile inviare messaggi della durata di 5 secondi simili alle GIF animate.

Al momento, però, gli utenti non possono usare l’applicazione su tablet, PC o altri dispositivi privi di un numero di telefono. Ciò significa che le persone che utilizzano l’applicazione non hanno la possibilità di passare da un dispositivo all’altro come avviene, al contrario, per le app della concorrenza.

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This