Appunti sull’Agenda (Digitale)

We’re the Champions

champions

E finalmente abbiamo il .
E mica uno qualunque: proprio lui, proprio quello che più o meno tutti volevamo che fosse. .
Ottima scelta, Mr. President. The right one.
Ed altrettanto ottima la prima (credo) dichiarazione pubblica di Riccardo: “voglio un digital champion in tutti i Comuni italiani”.
Solo che poi, qualche riga più sotto, arriva il primo problema: “non abbiamo budget, quindi i digital champions devono essere volontari”.
E non ci siamo, Riccardo. Non ci siamo.
Perché coi volontari non si va da nessuna parte. No cash, no commitment. Ritagli di tempo, discontinuità, nessun potere di controllo.
Possiamo ovviamente capire che “no budget” significa “il Governo non mi dà un budget su questa iniziativa”. Passi: non sono tempi di vacche grasse, è noto.
Ma da Riccardo Luna (e da Matteo Renzi) ci aspettiamo qualcosa in più: la fantasia, e quel minimo sindacale di coraggio e faccia tosta capace di sparigliare e andare in meta.

championProviamo a fare due conti. Abbiamo 8.100 Comuni: vogliamo dare 20.000 euro all’anno a ciascun digital champion locale? Fanno più o meno 160 milioni di euro. Facendo una media del pollo, sono 8 milioni di euro per ciascuna Regione italiana.
Possibile che non si trovino 8 milioni all’interno del mare magno dei fondi comunitari? Possibile che il fondo sociale europeo riesca a finanziare solamente corsi per lap dancer e iniziative per la promozione del teatro dei pupi (giuro, lo hanno fatto)?
Possibile che tutte le aziende ICT non riescano a tassarsi per cofinanziare un esercito di promotori del digitale, capaci di aprire nuovi mercati?
Perché poi, se questi champions li paghiamo, possiamo chiedere loro di andare davvero di capannone in capannone, di negozio in negozio, di scuola in scuola, di casa in casa, a fare quello che più o meno cent’anni fa fecero – negli USA – i piazzisti di lavatrici. Che non vendettero solamente lavatrici: finirono per essere il principale canale attraverso il quale si generò un’enorme domanda di energia elettrica e così nacquero le reti elettriche come servizio universale.
Un mix di piazzista di lavatrici e testimone di Geova digitale.
Suonerà male, suonerà poco istituzionale e ancor meno politically correct.
Machissene, verrebbe da dire.

Perché qui, Riccardo, il digitale a botte di convegni non lo faremo mai. E tu sei il primo a dirlo, che “basta convegni”. Ma non lo faremo mai neppure a botte di volontariato.
Qualche mese fa, proprio a Trieste nel “tuo” GoOnFVG, ebbi modo di “buttarla lì”: costituire una squadra (retribuita) di Digital Evangelist e mandarli a predicare il verbo porta a porta. E mi pare che qualche capo azienda (e di aziende neppure troppo piccole…) si dimostrò più che disponibile a parlarne.
Difficile farlo? Può darsi. Ma varrebbe la pena di provarci, non credi?

 

Paolo Colli Franzone

Paolo Colli Franzone

Fondatore e direttore di Netics, uno tra i principali osservatori del mercato ICT specifico per la pubblica amministrazione e la sanità italiana.
Esperto di marketing strategico, collabora con alcuni tra i principali vendor IT nazionali e internazionali in qualità di advisor per il Public Sector.
E’ anche coordinatore del think tank “NextCityLife”, focalizzato sul tema delle Smart Cities & Communities.

Facebook Twitter 

1 Commento

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

1 Commento

  1. Pingback: Elegia del Fare: 6 – I digital champions territoriali | Tech Economy

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This