Market & Business

Osservatorio carte di credito: pagamenti elettronici su del 5,4% nel 2013

pagamenti-carte-di-credito

I continuano a crescere in Italia: secondo quanto emerso dalla dodicesima edizione dell’Osservatorio sulle carte di credito realizzato da Assofin, Crif Decision Solutions e GfK Eurisko presentata in queste ore a Milano, nel corso del 2013 il numero dei pagamenti con questi mezzi è cresciuto del 5,4% rispetto al 2,4% dell’anno precedente anche se l’andamento del volume complessivo delle transazioni effettuate è rimasto invariato, mentre l’importo medio annuo è diminuito del 5,1%, scendendo a 2.176 euro dai 2.292 del 2012.

Più nel dettaglio per quanto riguarda le carte di credito in circolazione, esse continuano a diminuire (-3.2% rispetto al 2012) anche se meno di quel -4.5% registrato nel 2012. Il numero delle transazioni effettuate ha fatto registrare un incremento (+9.3%), tornando sui livelli del 2010. Infine, il valore medio delle transazioni effettuate con carta di credito si è attestato nel 2013 intorno agli 87 euro, contro i 93 euro del 2012 e i 95 euro del 2011.”“Questa riduzione – spiega la ricerca – unitamente a quella dell’importo medio delle transazioni su POS con carte di debito, mette in luce una maggiore predisposizione degli italiani, rispetto al passato, all’utilizzo della moneta elettronica anche per acquisti di importo più contenuto e conferma la maggiore oculatezza nei consumi in questi anni di crisi”. 

Sul fronte delle carte prepagate, la loro diffusione continua a crescere “a conferma del loro ruolo di strumento di inclusione finanziaria (più 5,5% nel 2013 rispetto al 2012, anno in cui la crescita era stata addirittura del 32,4%). Tale diffusione è stata accompagnata anche da una crescita nell’utilizzo, con un più 30,9% del numero di transazioni e un +19.8% del valore delle operazioni”. Stando al rapporto “il numero medio di operazioni per carta registra un significativo aumento (più 24% sul 2012), mentre diminuisce l’importo medio delle transazioni, assestatosi nel 2013 a 48 euro (contro i 66 del 2012 e i 64 del 2011)”.

Spazio nel rapporto anche alle nuove tendenze che si stanno rafforzando sempre più “sulla composizione dei portafogli di clientela, con un effetto di ampliamento dei target degli utilizzatori di carte di credito. In particolare, l’evoluzione tecnologica, sta favorendo sempre più la diffusione dell’utilizzo della carta tra i giovani”

L’Osservatorio sottolinea “il forte cambiamento tecnologico in corso: si sta, infatti, sempre più consolidandola la diffusione del contactless (nell’ultimo anno gran parte delle nuove carte emesse è dotata della tecnologia Rfid, che consente il pagamento senza bisogno di strisciata o inserimento del codice pin), e si sta concretizzando la diffusione della tecnologia NFC (Near Field Communication), che consente di effettuare pagamenti avvicinando al Pos lo smartphone”.

Passando infine a considerare le ricadute di questi nuovi trend sugli orientamenti delle persone in generale, e nei confronti delle carte di pagamento, le analisi sulla domanda hanno evidenziato “come le continue sollecitazioni provenienti dal mondo della tecnologia abbiano già trovato una buona risposta e reattività da parte del mercato italiano, con l’effetto di una progressiva e pervasiva digitalizzazione di famiglie e individui. L’ulteriore diffusione di internet e delle pratiche dell’e-commerce che ne è conseguita sta alimentando in particolare il ricorso agli strumenti di Payment, favorendo anche l’utilizzo di carte di credito e carte prepagate per lo shopping online”. Secondo la ricerca in questo contesto l’utilizzo del mobile payment e dei sistemi di pagamento contactless rappresentano, invece, “ancora fenomeni di nicchia, seppure con buone potenzialità di sviluppo”.

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This