Letti da fuori

La gentilezza salverà il marketing

gentilezza

Ogni tanto c’è qualcuno che chiede qual è il segreto per avere tanti contatti sui social. Che vuole scoprire il quid che fa diventare un tizio, un perfetto sconosciuto, il centro di una vasta rete sociale in cui si trovano migliaia di persone. E’ difficile spiegare che un segreto in realtà non c’è. Nel senso che non esistono formule magiche o algoritmi miracolosi, bot sofisticati o accocchi tecnologici. Vuoi crearti una rete sociale che funziona, nel senso che è piena di gente che ti segue e ti ascolta? E allora le regole da seguire sono due, e semplicissime: 1) crea contenuti interessanti; 2) coltiva le relazioni. Le due cose vanno fatte di pari passo, però, o non funzionano.

Content is King, siamo d’accordo. Se posti cose sciatte, poco interessanti, status senza verve, notizie che sono la rifrittura di molte altre già note e sentite, se non hai in breve nulla di originale e di tuo da dare agli altri, gli altri, banalmente, non ti seguono. Abbiamo tutti poco tempo, figuriamoci se lo possiamo perdere per seguire gente che non ci dice nulla di nuovo e che non si distingue in pratica da migliaia di altri cloni. Per cui trovati in tuo ambito specifico in cui hai qualcosa da dire, o trova il modo di dire quello che tutti dicono in modo diverso dal solito.

gentilezza 2

Ma una volta scritto o postato qualcosa di meraviglioso, ricordati che è solo metà della fatica che serve. Il resto è creare relazioni. Relazioni con il tuo pubblico, con chi ti legge e chi ti segue. Sono cose complicate, le relazioni, perché non possono essere create in poche ore: vanno coltivate nel tempo. Interagisci. Non una volta ogni tanto, ma un pochino ogni santo giorno. Cerca di capire chi sono e cosa vogliono le persone con cui entri in contatto, fa’ sentire loro che non sono solo un numero, né per te né, eventualmente, per il marchio che rappresenti. Parla con loro, metti almeno un po’ di partecipazione umana in ciò che fai: se sei su un social loro devono avere l’impressione che state sullo stesso piano, altrimenti tanto varrebbe guardare un programma tv.

Una delle caratteristiche principali di chi vuole avere un minimo di successo sui social è che deve avere come sua caratteristica la gentilezza. Non la semplice educazione, che già è merce rara e non si trova spesso, ma proprio quella spinta interiore d’animo che ti porta ad interessarti con empatia degli altri.

Con i tuoi contatti sui social sii educato, e soprattuto sii gentile. Le reti sociali che funzionano si creano così, perché si fondano su uno scambio biunivoco: io leggo te ma tu ti interessi a me. Magari poco, perché tu sei uno e il tuo pubblico tanti, però un pochino ogni giorno. Coltiva i rapporti come le piantine nell’orto. Il social è un posto dove tu parli ma dove spesso stai anche in ascolto. Se ti pesa troppo, o non ti interessa proprio, e l’unico tuo obiettivo è stare costantemente al centro dell’attenzione come solista e primadonna, forse non sei tagliato per i social, non fanno per te. Prova a considerare una carriera in tv, dove tu hai un pulpito e tutti gli altri possono solo sentire quello che dici, o guardare quello che fai. Informati, magari al Grande Fratello hanno riaperto i provini.

Mariangela Vaglio

Insegnante, Blogger e Giornalista, Mariangela Vaglio è nota in rete come “Galatea”. Nel suo blog riflette su costumi, abitudini, vizi e virtù degli italiani in rete. Lo stesso fa per TechEconomy.

Facebook Twitter 

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This