Market & Business

Oracle: il mobile working cambia le aziende, che a loro piaccia o no

mobile working

Una nuova ricerca condotta da a livello mondiale indica che la soddisfazione dei lavoratori cresce se possono operare in maniera mobile e flessibile, consci che ciò li rende più produttivi. Tuttavia, la maggior parte delle aziende deve ancora compiere il passaggio verso il , ciò fa aumentare il rischio che progetti di questo tipo vengano avviati senza l’input e la supervisione delle aziende stesse spalancando così la porta a problemi di integrazione e minacce alla sicurezza.

I dati sono chiari: il 68% degli intervistati ha affermato che preferisce lavorare in modo più mobile e flessibile e oltre la metà (53%) ritiene che lavorare in questo modo faccia aumentare la produttività. Ma secondo gli stessi dipendenti, tuttavia, le rispettive aziende non sono attente al fenomeno; addirittura alcune cercano attivamente di ostacolarlo: meno di un quarto (24%) degli intervistati lavora in un’azienda che incoraggia attivamente il mobile working e il 21% del campione afferma che le rispettive aziende limitano le applicazioni e i dati a cui i dipendenti possono accedere da smartphone. La stessa Oracle, in un’altra ricerca, mostrava come le imprese europee fossero ancora molto prudenti con il fenomeno del : quasi la metà (44%) delle aziende europee è ancora contraria al modello  o lo consente solo in circostanze eccezionali e  un ulteriore 29% ne restringe l’utilizzo ai soli dipendenti senior; il 22%, invece, vieta completamente la possibilità che i dati o le informazioni aziendali risiedano su dispositivi , mentre il 20% non ha definito alcuna regola in merito.

E i dipendenti si muovono in modo autonomo per diversi motivi: solo il 18% degli intervistati ritiene che la propria azienda controlli in modo efficace cosa può essere fatto con un dispositivo mobile e 15% del campione afferma di aver trovato un modo per utilizzare i propri dispositivi mobili a scopo lavorativo senza alcun aiuto o intervento da parte dell’azienda. Oltre metà (56%) degli interpellati afferma di lavorare oggi in modo più mobile rispetto a due anni fa mentre il 40% prevede che la mobilità diventerà parte sempre più integrante del proprio lavoro nell’arco dei prossimi due anni.

Se le aziende non adotteranno una strategia per il mobile, non avranno neanche una strategia per la crescita. Il mobile sta creando nuovi modelli di business. Il mobile working prenderà piede nelle aziende a prescindere dalla loro volontà. Il punto è se le aziende vogliono approfittare di questa rivoluzione oppure continuare a provare a fermare l’inevitabile” ha dichiarato Suhas Uliyar, VP Mobile Strategy, Product Management, Oracle.

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This