Digitaliani

IoT e mercato retail: le stime di IDC

iot4

Secondo un nuovo rapporto il mercato retail è chiamato a puntare sempre più sulle tecnologie dell’Internet degli oggetti. Una realtà le cui potenzialità, per il comparto indicato e non solo per quello, non sono più ignorabili: alcune tecnologie dell’internet degli oggetti, spiega , sono già maturati mentre altre  sono ancora in fase crescita eppure  i casi d’uso sono ben definiti. Le soluzioni cloud e mobile-based, ad esempio, migliorano il ritorno sull’investimento (ROI) e lo dimostra un dato: quasi il 10% di tutti gli investimenti sui nel 2013 è stato fatta da commercianti, e entro il 2017, gli investimenti annui supereranno i 466 milioni di dollari.

Secondo Leslie Hand autore del nuovo rapporto, “La domanda dei consumatori su disponibilità dei prodotti e le interazioni personalizzate e contestualizzate guideranno i rivenditori nell’adottare diverse tecnologie dell’internet degli oggetti. Ciò porterà a una nuova valutazione delle opportunità dell’IoT nella vendita al dettaglio, mano a mano che le sfide diminuiscono e la domanda dei consumatori per più interazione e coinvolgimento cancellerà ogni esitazione nell’investire in soluzioni IoT. “

Secondo IDC esse stanno già svolgendo un ruolo importante nel mondo retai ma vi sono una serie di aree di intervento da tenere sempre in maggior considerazione. Ad esempio il settore dovrà investire in tecnologie che fanno una differenza marcata per il consumatore dal momento che essi vogliono essere sempre più connessi e impegnati ma solo se questo fa risparmiare soldi o tempo. Privacy e sicurezza potrebbero essere potenziali ostacoli ma, spiega IDC, il dato certo è che i consumatori avranno sempre più la necessità di interazioni intelligenti. A tal fine va considerata anche l’utilità dell’RFID, sia per la gestione interna di merci e magazzini, che per permettere ai consumatori di trovare e comprare quello che vogliono. 

In questo quadro fatto di potenzialità da cogliere, IDC raccomanda che i rivenditori interessati a coinvolgere il consumatore attraverso strategie multicanale, basate su interazioni fisiche e digitali personalizzati e sempre più contestualizzate coerenti, considerino seriamente di considerare una architettura  IoT che continuerà ad adattarsi ai modelli di interazione dei consumatori e alle loro mutevoli esigenze.

1 Commento

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

1 Commento

  1. Pingback: #DigitalTransformation e customer experience: quali sfide per le aziende? | Tech Economy

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This