Legal & Digital Rights

Diritto all’oblio: per Wikipedia è norma “profondamente immorale”

diritto oblio

Una norma “profondamente immorale“: sono questi i termini con cui Jimmy Wales, fondatore di , definisce la norma Ue che consente ai cittadini europei di chiedere la rimozione, dai risultati dei motori di ricerca, di link a informazioni ritenute “inadeguate, non pertinenti o non più rilevanti”. E la il direttore esecutivo della Wikimedia Foundation, che gestisce , Lila Tretikov, è anche più pesante, parlando di una internet che, in questo modo,  risulta “crivellata di buchi di memoria“.

Secondo Tretikov, “la Corte europea ha abbandonato la responsabilità di proteggere il diritto di cercare, ricevere e diffondere informazioni”. La Wikimedia Foundation ha ricevuto molteplici avvisi di intenti per rimuovere determinati contenuti di Wikipedia dai risultati di ricerca europei dal quando il diritto all’oblio è entrato in vigore dal mese di maggio 2014. Nella versione italiana, la richiesta di rimozione riguarda le pagine su Renato Vallanzasca e sulla Banda della Comasina. “I risultati di ricerca accurati stanno scomparendo dall’Europa senza nessuna spiegazione pubblica, nessuna prova reale, nessun controllo giurisdizionale e nessun processo d’appello. Il risultato è un luogo in cui le informazioni scomode semplicemente scompaiono” sostiene Tretikov.

Più duro ancora Wales, che parlando ieri a Londra durante la conferenza annuale Wikimania ha detto: “La storia è un diritto umano e una delle cose peggiori che una persona possa fare è tentare di usare la forza per metterne a tacere un’altra. Sto sotto i riflettori da un bel po’ di tempo. Alcune persone dicono cose buone e alcune persone dicono cose cattive. Questa è storia e non userei mai un procedimento legale come questo per cercare di nascondere la verità.” 

1 Commento

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

1 Commento

  1. Pingback: Google a Roma: il diritto all’oblio tra equilibrio e complessità | Tech Economy

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This