ICT & Telco

Giacomelli: “bisogna accelerare su infrastrutture e banda ultralarga”

giacomelli

Su digitale, e banda ultralarga l’Italia è in ritardo rispetto alla dimensione europea. Ne siamo consapevoli e stiamo mettendo in campo iniziative per colmare il gap. Aspetto di vedere l’articolato dello Sblocca Italia che prevede un pacchetto di norme importanti” e “agevolazioni fiscali per la copertura delle aree bianche”. Lo ha detto il sottosegretario allo Sviluppo economico, , in occasione della firma di un accordo, oggi a Roma, tra il Mise e la Regione Abruzzo, per la realizzazione di infrastrutture che coprano, con la rete a banda ultralarga, le aree rurali della regione.

Nell’ultima settima di luglio, secondo dati diffusi dal Ministero, i finanziamenti per i bandi Mise-Infratel volti alla diffusione e alla messa in posa della banda ultralarga in Abruzzo, Calabria, Lombardia, Toscana, Sicilia, Lazio, Basilicata sono stati pari a quasi 209 milioni di euro. In particolare la Regione Abruzzo ha destinato 25 milioni di euro per raggiungere, ha spiegato il governatore Luciano D’Alfonso, “gran parte delle aree rurali della regione“. “Credo che abbiamo il compito di accelerare l’investimento sulle infrastrutture e la riflessione sui servizi, cioè su tutto quello che la banda ultralarga consente di raggiungere”, ha osservato il sottosegretario. “Stiamo studiando – ha concluso – una formula per permettere al governo di intervenire in progetti pilota in grado di creare valore nello sviluppo dei servizi”.

1 Commento

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

1 Commento

  1. Pingback: Giacomelli: “bisogna accelerare su infrastrutture e banda ultralarga” | Geek News

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This