Net4Work

In viaggio con 5 app navigatore gratuite

waze

Sì viaggiare evitando le buche più dure, cantava Battisti. E se insieme alle buche si evita anche di perdere la bussola e smarrire la strada più breve per arrivare in un posto è sicuramente meglio. Ecco il motivo per cui, soprattutto in agosto quando un po’ tutti ci mettiamo in viaggio, è meglio scegliere e scaricare un’ che possa fare da navigatore. Queste 5 buone soluzioni tutte gratuite.

Waze. Più che un semplice navigatore disponibile per iOS e Android è un social navigatore, visto che la sua ricchezza è costituita da una comunità di utenti tra le più numerose al mondo. Oltre al calcolo di itinerari con istruzioni vocali, offre informazioni su traffico, condizioni stradali, incidenti, posti di blocco e addirittura sui distributori più economici nei paraggi. Con Waze è anche possibile vedere se ci sono amici nelle vicinanze per pianificare degli incontri. Consigliato a chi ama non solo ricevere ma anche condividere informazioni.

WAZE

NavFree. Disponibile su Google Play e iTunes consente la navigazione anche off line su mappe che utilizzano dati OSM, aggiornati da circa 15 milioni di utenti nel mondo. Integrato nell’app anche Google Street View.

Map Factor. Riservata ai possessori di smartphone Android questa applicazione è ideale per chi deve viaggiare anche all’estero e in assenza di connessione. Usa le mappe di OpenStreetMap ed è pertanto precisa nei percorsi stradale. Migliorabile invece nei punti di interesse spesso carenti.

700 City Maps. Una applicazione per soli androidiani che mette a disposizione anche le guide turistiche, le descrizioni dei luoghi e delle attrazioni prese da Wikipedia. Permette inoltre la ricerca di recensioni di hotel prese da Booking.com.

Tuttocittà NAV. Scaricabile gratuitamente su iOS e Android è un navigatore tutto italiano che funziona anche senza connessione. Purtroppo non riporta gli autovelox, richiesti su quasi tutti i commenti di recensione,  ma che potrebbero essere segnalati, magati in modo anche più preciso, installando un’app specifica come Autovelox! o  iCoyote Europe.

 Altra app da mettere in valigia prima di partire è sicuramente PrezziBenzina, gratuita per Android e iOS che consente, tramite la localizzazione GPS, di suggerire i distributori più economici nelle vicinanze.

Alternative a queste soluzioni come sempre ci sono: si può rispolverare la vecchia cartina, quella che aperta equivale a un manifesto 6×3 semplicissimo da consultare mentre si guida e impossibile da ripiegare come nella versione originale; si può partire affidandosi agli innumerevoli cartelli “Tutte le direzioni” sparsi in giro per l’Italia; ci si può approssimare alla meta e fermarsi a chiedere la strada corretta magari al buontempone che non è del posto ma che per non sfigurare prova lo stesso a indirizzarci su qualche sentiero. A prescindere dalla scelta che farete, soprattutto se si parte per un viaggio di piacere, si può mettere nel bagaglio a mano anche la frase di Jean de La Bruyère: “Non c’è strada troppo lunga per chi cammina lentamente e senza fretta; non ci sono mete troppo lontane per chi si prepara ad esse con la pazienza”.

Sonia Montegiove

Sonia Montegiove

Responsabile editoriale di Tech Economy.
Presidente dell’Associazione LibreItalia, è analista programmatore e formatore. È giornalista per passione ed è entrata a far parte della redazione di Girl Geek Life , convinta che le donne possano essere avvicinate alle nuove tecnologie scrivendo in modo chiaro e selezionando le notizie nel modo giusto.

Facebook Twitter Skype 

2 commenti

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

2 Comments

  1. Pingback: In viaggio con 5 app navigatore gratuite | Geek News

  2. Pingback: In viaggio con 5 app navigatore gratuite

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This