In Controluce

Alessandra Poggiani, tra Italia Digitale e Carte bollate

Poggiani

Che chi scrive sia felice della nomina di alla guida dell’ non è certo un mistero, dal momento in cui è stato uno dei pochi a scriverlo prima che la sua nomina venisse confermata. Tuttavia va specificato per onestà intellettuale nei confronti di chi leggesse queste poche righe senza conoscerne l’autore. E va anche detto che sempre chi scrive è rimasto amareggiato, ma non certo meravigliato, dal fatto che il suo articolo di endorsement per Alessandra Poggiani sia stato rilanciato da molti influencer (o sedicenti tali) solo dopo l’ufficializzazione della nomina. Sintomo inequivocabile di un sistema popolato di una quantità incredibile di cialtroni che, come diceva Ennio Flaiano, sono sempre pronti a correre in soccorso al vincitore. Cialtroni della stessa pasta di quelli che oggi, nel dubbio, tacciono di fronte alla ormai ben nota storia della presunta Laurea non Laurea de @La_Pippi, come si fa chiamare su Twitter.

alessandra_poggiani_agidPerché tacere è la strada migliore per non farsi notare, in un contesto in cui farsi notare vuol dire prendere posizione. E prendere posizione rischia di significare di schierarsi con qualcuno, e forse quindi contro qualcun altro. Qualcun altro che domani potrebbe servire, e perciò perché inimicarselo prima di assicurarsi che il potente di oggi sia destinato ad essere potente anche domani?

Verrà il momento di appoggiare pubblicamente Alessandra Poggiani. Ma con calma, quando la crisi sarà passata. E si potrà nuovamente correre in soccorso del vincitore. Perché la crisi passerà, certo. Passerà perché – come spiega bene Guido Scorza – la Laurea c’è. Una crisi di carte bollate insomma, in cui nessuno mette in dubbio il fatto che il titolo esista (salvo il vergognoso articolo su Italia Oggi) ma alcuni (pochi noti) discettano sul fatto che sia equiparabile ad un titolo triennale o quinquennale.
Ma forse tutto ciò è un bene. E lo è per più di un motivo.

Il primo è un motivo di metodo: in un Paese in cui ad un professionista competente è preferibile un laureato incompetente si riapre la questione della validità legale del titolo di studio. In Italia un imbecille con certificazione è preferibile by default a un serio professionista. E questo pone la questione su un altro piano: fermo restando che sulla nomina di Alessandra Poggiani si può essere o meno d’accordo, cambia davvero la sostanza delle sue competenze un titolo conseguito vent’anni fa? Fermo restando che la laurea c’è, sarebbe così grave se non fosse riconosciuta in Italia? In un Paese in cui un dottore laureato in dermatologia può far parte dell’Autorità Garante per la Privacy, il dubbio è lecito. È la vittoria della forma sulla sostanza.

innovationE la sostanza ci porta al secondo motivo per il quale tutto sommato questa querelle ha dei risvolti positivi. Finalmente la gestione del digitale sta entrando al centro degli interessi del nostro Paese, perché muove interessi, e muove soldi. E vista la qualità del giornalismo italiano l’attacco indegno di Italia Oggi è il migliore sintomo possibile del fatto che una struttura come l’AgID sia uscita dall’alveo di competenza degli “esperti” o sedicenti tali. Quando la “macchina del fango”, per usare un termine della peggiore retorica politica, comincia ad essere applicata anche in questo settore vuol dire che questo settore inizia a diventare centrale rispetto a sistemi di interessi di un nuovo ordine di grandezza. E – nel caso di Alessandra Poggiani – questo è davvero un buon segno. Perché se l’unico appiglio che si è trovato sulla sua figura è una illusoria irregolarità amministrativa vuol dire che davvero si è scavato il fondo e non si è trovato nulla di meglio (o, meglio, di peggio). D’altro canto, se in oltre vent’anni di carriera non si riesce ad imputare ad Alessandra Poggiani nemmeno un piccolo, insignificante avviso di garanzia, come la si può attaccare? Se non ha alle spalle nessun fallimento, nessuna ombra, nessuna macchia professionale, come screditarla?
Resta il fatto che se è lecito discutere ed interrogarsi sulla scelta de @La_Pippi alla guida dell’AgID, non lo è cercare di screditarla attaccandosi a carte bollate e presunte irregolarità. Non lo è perché se è certo che Alessandra Poggiani supererà tutto questo, è altrettanto certo che non abbiamo bisogno di portare nell’ambito del digitale i peggiori costumi e le peggiori abitudini che hanno contraddistinto il nostro Paese e lo hanno portato nella condizione in cui versa attualmente. Qualcuno disse, a valle della nomina di Alessandra Poggiani, che si trattava di un buon segnale di rinnovamento. L’articolo di Italia Oggi e tutto ciò che ne è conseguito dimostrano che la strada per uscire da un modo gretto, ipocrita ed autolesionista di gestire il potere è ancora lunga e difficile.

Chief Editor di TechEconomy.
Docente universitario, giornalista, advisor per le Nazioni Unite.

Facebook Twitter LinkedIn Google+ YouTube Skype 

1 Commento

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

1 Commento

  1. frap1964

    30/07/2014 alle 01:17

    La vera domanda da farsi non è come abbia fatto la Poggiani nel 2014 a diventare DG dell’Agenzia per l’Italia digitale, ma piuttosto come abbia fatto nell’aprile del 2004, alla fresca età di 33 anni, lavorando da soli 9 anni e senza alcuna specifica e pregressa competenza in aziende del comparto, a diventare Direttore Generale di LAIT SPA, SOCIETA’ DI INFORMATICA DELLA REGIONE LAZIO, nata nel 2001 come Laziomatica e poi divenuta LAIT nel 2005 (si rileva dal suo CV).
    Perché tutto il seguito nasce evidentemente da lì.
    Detto questo, di persone candidate al posto di DG di AGID con titolo legale più che valido e competenze tecnico-professionali sicuramente superiori ce ne sono.
    Perché allora dovremmo accontentarci de La_Pippi?

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This