In Controluce

#DigitalChampion: non basta un report per nascondere un modello fallimentare

europa bandiera

Più volte, in queste pagine, si è parlato di Digital Champion. Si è approfondito il suo ruolo nell’idea originale di Neelie Kroes, si è data voce a diversi Digital Champion internazionali (a quelli italiani mai anche perché – nel loro ruolo – semplicemente non hanno fatto nulla), si è studiato il modello. E, dopo tutto ciò, abbiamo capito che non sempre ad una buona idea corrispondono altrettanto buoni risultati. Quello dei , lo abbiamo detto e ripetuto, è – nella maggior parte dei casi – un allegro club di cialtroni.

Tanto più cialtroni quanto più operanti in paesi come il nostro, ove il ruolo del Digital Champion potrebbe essere invece determinante. I pochi casi di successo, infatti, sono quelli degli attori operanti nei paesi più avanzati ove, al colmo dell’ironia, di Digital Champion forse non ce ne sarebbe più bisogno. Ma dove, rendendosi conto dell’importanza del ruolo, non solo il Digital Champion c’è, ma lavora. Ed anche bene.

Per gli altri paesi, il nulla. Un nulla confermato a mezza bocca anche dai funzionari UE con i quali siamo entrati in contatto, che esauriti dal rincorrere questi inutili ma talvolta simpatici cialtroni si trovano a dover tentare di dare un senso ad un operato che definire misero sarebbe sin troppo generoso. E misero non può che essere il report che l’UE ha appena rilasciato, nel quale cerca di mettere a sistema le poche cose fatte e camuffare in una struttura vacua e lacunosa una realtà ineluttabile: il modello non funziona. I Digital Champion non fanno sistema. Gli eletti a tale ruolo non hanno alcun impatto reale, al netto di piccoli progetti che non possono che produrre altrettanto piccoli risultati. Nella migliore delle ipotesi, come nel caso italiano, vengono inclusi nel novero dei progetti del Digital Champion anche attività che con tale ruolo nulla hanno a che fare. Consola vedere che l’Italia, una volta tanto, non è fanalino di coda. Tuttavia non essendo fan del “mal comune mezzo gaudio” il problema resta. Il ruolo del Digital Champion è un ruolo chiave. Ma il modello non funziona.

In Italia in questi giorni di nomine digitali siamo ancora in attesa di quella del Digital Champion, appunto. Una nostra proposta di variazione all’approccio sinora utilizzato l’abbiamo pubblicata qualche giorno fa su queste pagine, consci del fatto che siamo in Italia, appunto, e che quindi non si tratta d’altro che di un esercizio di stile.
Speriamo tuttavia che – una volta tanto – l’ottimismo della volontà prevalga sul pessimismo della ragione. Ma chi visse sperando…

Chief Editor di TechEconomy.
Docente universitario, giornalista, advisor per le Nazioni Unite.

Facebook Twitter LinkedIn Google+ YouTube Skype 

1 Commento

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

1 Commento

  1. Pingback: #digitalchampions: quando il diavolo si annida nei dettagli | Tech Economy

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This